I musicisti faranno la rivoluzione?

Philippe Daverio, durante una chiaccherata, mi ha detto “no”. Ma io non mi voglio arrendere, trovo in Maurizio Pollini la perfetta incarnazione del musicista contemporaneo. “Sociale”. Un musicista che vive il proprio tempo anche rispetto agli avvenimenti politici. Soprattutto che si espone. Certo, non è l’unico. Ma è l’unico che parla a chiare lettere, e che ogni tanto fa ricordare al grande pubblico che “noi” esistiamo.

 

foto: guardian.co.uk

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Simeone Pozzini

È pianista e critico musicale. È stato tra i fondatori e successivamente direttore artistico del Festival ContemporaneaMente di Lodi. Ha registrato per Stradivarius. Ha fondato e dirige Il Corriere Musicale. È stato tra i collaboratori del canale televisivo Classica in onda su Sky.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti