Il duo Rossi-Bezziccheri rilegge Brahms

Brahms, Danilo Rossi e Stefano Bezziccheri , Limen Music

Un percorso nell’intimità di Brahms, negli ultimi anni della sua vita, struggente, ironica, dolce, compiuta.

Scritte nel 1894 a Ischl, le due sonate op.120 per clarinetto e pianoforte  fanno parte, insieme al Trio in la minore op. 114, il Quintetto in si minore op. 115, di un gruppo di quattro composizioni dedicate al clarinetto, che Brahms scrive alla fine della sua vita. Il clarinetto e la figura di Richard von Mühlfeld  (entrambi soprannominati “Fräulein Klarinette”), diventano un tutt’uno inscindibile, fonte di ispirazione e rinascita di un Brahms che era prossimo ad un riposo compositivo.

Delle sonate op. 120 è nota la trascrizionie originale per viola, riproposta in una nuova registrazione dal duo Rossi-Bezziccheri. La trascrizione,  mediante alcuni accorgimenti brahmsiani, come il trasporto di alcuni passaggi ad un ottava inferiore dovuta alla tessitura dello strumento, rende perfettamente l’originale carattere clarinettistico-intimista delle sonate, a cui non viene a mancare il lato riflessivo e drammatico.

Danilo Rossi e Stefano Bezziccheri in oltre 20 anni di concerti insieme hanno raggiunto una tranquillità intepretativa che asseconda perfettamente queste pagine sublimi ed “ultime”. Interpretazione “pulita” e lettura trasparente della partitura. Molto interessante l’intervista esclusiva contenuta nel dvd.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti