Tod’s entra nella Fondazione Teatro alla Scala

Milano, 9 giugno 2011 –Tod’s, uno dei simboli della qualità e dello stile di vita italiano nel mondo, entra nella Fondazione Teatro alla Scala.

“Per il Gruppo Tod’s è un piacere ed un onore sostenere il Teatro alla Scala, che rappresenta uno dei grandi simboli della cultura italiana a cui tutto il mondo guarda con ammirazione – dice Diego Della Valle -. Ritengo che sostenere l’eccellenza del nostro Paese serva ad aiutare il mondo dell’arte e della cultura, che vede l’Italia sicuramente leader nel mondo, ma serve anche a tenere alta la reputazione del nostro Paese, a fare in modo che sempre di più persone da tutto il mondo abbiano voglia di visitarci, e in questo modo quindi a sostenere anche l’economia reale del Paese – un’economia che funzioni, e che crei nuovi posti di lavoro soprattutto per i giovani. Il nostro vuole anche essere un invito a molti altri imprenditori, perché possano cogliere velocemente l’opportunità preziosa di essere parte di questo processo, indispensabile al futuro del nostro Paese.”

“Molte importanti società internazionali sono oggi al fianco della Scala” – sottolinea il Sovrintendente Stéphane Lissner  -. Tod’s, una delle imprese italiane più conosciute e stimate nel mondo, decide di sostenerci. La Scala raccoglie i frutti degli sforzi di questi ultimi anni,  dell’impegno dei lavoratori del teatro e della fiducia nel nostro progetto artistico, ispirato all’idea di un teatro italiano nell’Europa di oggi”.

“Ringrazio Diego Della Valle” – prosegue Lissner – “per la sensibilità  che sta dimostrando nei confronti della cultura. Ha deciso di sostenere il nostro lavoro perché, credo, riconosce nell’internazionalità della Scala un ponte fra l’Italia e il mondo, e fra il mondo e l’Italia. Apprezzo il suo gesto, insieme a quello dei nostri molti sostenitori privati, perché condivido con lui una idea alta del mecenatismo: prima che una opportunità o una necessità, è un atto civile”.

 

Comunicato stampa

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti