La XIII Stagione Concertistica de I Virtuosi Italiani

[wide]

foto di Maki Galimberti

[/wide]

Prende il via giovedì 20 ottobre la XIII Stagione Concertistica de I Virtuosi Italiani, 20 appuntamenti di cui 18 la domenica mattina alle ore 11 e 2 di sera alle ore 20 in Sala Maffeiana e al Teatro Filarmonico di Verona. Fino al 15 aprile  2012 sono molti i grandi nomi del panorama musicale internazionale che tornano o arrivano per la prima volta a Verona ospiti de I Virtuosi Italiani, come Ramin Bahrami,  Andrea Griminelli, Sergej Krylov, Pavel Berman, Pavel Vernikov, Uri Caine, Federico Mondelci, Giuliano Carella, Giuseppe Albanese, Ilia Kim, Nicolas Altstaedt, Cinzia Forte. La nuova stagione è caratterizzata da un’offerta artistica di alto livello con omaggi ai centenari di Mahler e Debussy, prime esecuzioni tra cui quella di un lavoro della compositrice Silvia Colasanti, una tripla lettura di Bach, in chiave tradizionale e jazz e il consueto spazio che I Virtuosi Italiani dedicano ai nuovi talenti emergenti. 

Aldo Sisillo

Tra le novità la nomina a nuovo direttore artistico de I Virtuosi Italiani di Aldo Sisillo, compositore, direttore d’orchestra e attualmente direttore artistico della Fondazione Teatro Comunale di Modena, del Festival delle Nazioni di Città di Castello e docente presso il Conservatorio Arrigo Boito di Parma. «Nell’ottica di non volersi chiudere a riccio, ma anzi di cercare un confronto stimolante aumentando e allargando sempre più la qualità delle nostre proposte artistiche, dal punto di vista degli interpreti, della varietà della programmazione musicale e  della trasversalità delle proposte, abbiamo deciso di affidare la direzione artistica de I Virtuosi Italiani ad Aldo Sisillo, di cui abbiamo grande stima e con cui collaboriamo già da diversi anni». Così commenta Alberto Martini nel passare il testimone, precisando che la sua non sarà un’uscita di scena: «Continuerò a collaborare con il nuovo direttore e a ricoprire il ruolo di konzertmeister dell’orchestra».

Il programma sul sito dei Virtuosi italiani


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti