Maurizio Baglini: “Il debito della società nei confronti di Liszt”

[wide]

Maurizio Baglini (foto di Ugo Dalla Porta)

[/wide]

di Maurizio Baglini


M i imbattei in Franz Liszt a 8 anni, nel 1983: avevo da poco cominciato lo studio del pianoforte e venni a sapere dell’esistenza della celeberrima Campanella. Pur ignorando la matrice di Nicolò Paganini inerente il pezzo di bravura in questione, mi feci l’idea che Liszt scrivesse pezzi piacevoli e spettacolari, per lo meno all’ ascolto di un bambino da poco avvicinatosi al pianoforte. Comprai un disco in vinile intitolato: “Liszt, Festival”, registrato dal pianista italo-francese Gabriel Tacchino. Ascoltando a più non posso quel disco, ebbi modo di scoprire i pezzi più famosi nell’immaginario collettivo lisztiano: il Sogno d’amore, la Rapsodia Ungherese n. 2, eccetera. Cominciai quindi subito a studiare alcuni pezzi per me abbordabili che volli imparare a memoria e cominciare ad eseguire regolarmente: la Rapsodia Ungherese n. 5 (Elegia funebre, forse un po’ sinistra per un bambino) e lo Studio da concerto Ronda di Gnomi.

Chi avrebbe detto che trent’anni dopo avrei inciso io un omaggio a Liszt con i capolavori più celebri lasciati dal genio ungherese?  Infatti, il mio recente cd Rêves, pubblicato da Decca, comprende un excursus storico sulla figura di Liszt con i pezzi più celebri come omaggio al compositore nel bicentenario dalla nascita.

Il mio approccio a Liszt aveva già segnato due tappe discografiche importanti: l’integrale degli Studi trascendentali e la registrazione della Sinfonia n. 9 di Beethoven trascritta appunto da Liszt per pianoforte solo. Oltre a questo copioso repertorio, amo molto suonare tutti i cicli degli Anni di pellegrinaggio, alcune parafrasi da opere italiane – Rossini, Verdi, Bellini – e da opere di Wagner, oltre alla Via Crucis con coro da camera che conto di programmare a breve per particolari spazi concertistici alternativi : chiese, concerti estivi all’ aperto, eccetera. Liszt rappresenta per me uno degli uomini più colti e versatili della storia universale: nessun altro personaggio, ad eccezione di Pier Paolo Pasolini e Leonardo da Vinci, mi stimola ad una vera e propria sete di sapienza e di apprendimento,  e nessun altro compositore, altrettanto quanto Liszt, mi da modo di spostare in avanti i confini “grammaticali” dei vari periodi musicali. Vero è che, rispetto ai suoi contemporanei Schumann e Chopin, ad esempio, Liszt ha vissuto molto più a lungo, ma sfido chiunque a non rimanere sorpreso nell’ascoltare per la prima volta un pezzo di un Liszt relativamente giovane quale Il Penseroso, dagli Anni di pellegrinaggio:  sembra di ascoltare un pezzo di musica contemporanea, scritto oggi, un’improvvisazione onomatopeica ispirata al, anzi dal, suono dello scalpello magico di Michelangelo Buonarroti.  Altro esempio lampante della precocità di Liszt nelle nuove soluzioni drammaturgiche prossime al simbolismo è lo Studio trascendentale n. 11, Armonie della sera: il passaggio fra questo capolavoro e Reflets dans l’ eau di Debussy è assolutamente immediato, nonostante vi siano circa sessantacinque anni fra le due creazioni. Senza voler poi scadere nei luoghi comuni, è opportuno menzionare la Bagatella senza tonalità, ovvero sia il Mefisto Valzer n.4: il titolo parla da solo. Trattare l’atonalità intorno al 1880 era quasi operazione musicalmente blasfema!

Oltre a questo profilo intellettuale e geniale di Franz Liszt, non bisogna mai vergognarsi dell’elemento virtuosistico e ginnico che solo Liszt ha saputo trattare con tanta maestria: il virtuoso, per definizione, è colui il quale beneficia di doti, ragion per cui il concetto stesso di virtuosismo non deve attrarre l’attenzione su fronti negativi.  È grazie a Liszt che il pianoforte raggiunse l’apogeo storico di trionfo sugli altri strumenti, orchestra compresa; è grazie a Liszt se il pianoforte uscì dai salotti e divenne strumento di celebrazione e di successo del singolo artista; è grazie a Liszt se lo strumento meccanico – il pianoforte, appunto – ebbe una tale e rapida evoluzione costruttiva.  Ci rendiamo davvero conto di quanti e quali siano i debitori morali nei confronti di Franz Liszt?

(Ottobre 2011)

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Maurizio Baglini

Pisano, 36 anni, è considerato tra gli interpreti più autorevoli del repertorio romantico, in particolare di Chopin e Liszt. A 24 anni vince all’unanimità il “World Music Piano Master” di Montecarlo e da allora si esibisce sui palcoscenici più prestigiosi del mondo: Salle Gaveau di Parigi, Kennedy Center di Washington, Oriental Art Center di Shangai, Sala Cecília Meireles di Rio De Janeiro. Ha appena pubblicato l’album Rêves (Decca), dedicato ai capolavori per pianoforte solo di Liszt nel bicentenario della nascita, e ha registrato un cd di Brahms e Schubert (in uscita sempre per Decca) in duo con la violoncellista Silvia Chiesa, con la quale fa coppia anche nella vita. Insieme ai colleghi Lang Lang, Ramin Bahrami e Stefano Bollani è tra i protagonisti della nuova compilation Classica 2011 prodotta dall’etichetta Deutsche Grammophon. Nel 2011 ha ricevuto il premio “Année Liszt en France” dal comitato ufficiale delle celebrazioni lisztiane per il cd Rêves e la palma d’oro alla migliore interpretazione degli Studi di Chopin dalla prestigiosa rivista indipendente American Record Guide per il cd pubblicato nel 1998 (Phoenix/Suonare Records). A ottobre 2011 è uscito, per Decca, un cd in duo con la violoncellista Silvia Chiesa con le Sonate per violoncello e pianoforte di Brahms e l’“Arpeggione” di Schubert. Intenso il suo impegno anche come organizzatore artistico di festival musicali, tra i quali la nuova rassegna “Les Musiques de Montcaud” in Francia, “Amiata Piano Festival” e “Dionisus” in Toscana. Baglini suona un pianoforte Fazioli.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti