Gli indifferenti. Parole e musiche da un Ventennio


Venerdì 27 gennaio alle ore 21 nell’ambito delle manifestazioni per la “Giornata della Memoria”, l’Accademia Filarmonica Romana presenta alla Sala Casella Gli indifferenti. Parole e musiche da un Ventennio


di Mario Leone


Lo spettacolo, frutto della collaborazione con il Festival internazionale di musica “Pietre che cantano”, vedrà sulla scena tre grandi interpreti: Fabrizio Gifuni (voce narrante, attore tra i più affermati del panorama italiano, teatrale e cinematografico),  Monica Bacelli (mezzosoprano, premio Abbiati nel 1997 e fine interprete del repertorio antico ma anche di quello moderno) e Luisa Prayer (pianoforte, interprete molto attiva nel panorama nazionale e internazionale come solista e camerista).

da sinistra Monica Bacelli, Fabrizio Gifuni, Luisa Prayer

Nato da un intenso lavoro di ricerca dei tre protagonisti, lo spettacolo presenta materiali dell’epoca, articoli di giornale, diari privati, documenti storici, telegrammi, musiche e canzoni, spaziando da Gobetti a Montanelli, da Toscanini a Mascagni, passando per le parole e le musiche di Strauss, Tosti, Pizzetti, Gadda, Calamandrei, Casella, Respighi, Castelnuovo-Tedesco. Il trio si interroga sulle parole scritte e la musica suonata durante il Ventennio, quale fu il ruolo della stampa ufficiale e di quella clandestina, come reagirono o come si accomodarono gli intellettuali del nostro paese mentre in Italia e in Europa si produceva una catastrofe delle coscienze prima ancora che politica. Una grande occasione anche per il pubblico che avrà la possibilità di riflettere sul senso della realtà presente e riscoprire l’immenso valore della memoria. Lo spettacolo, che ha un forte aspetto divulgativo, vedrà un matinée per le scuole e in serata sarà trasmesso in diretta sulle frequenze di Rai Radio Tre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Mario Leone

Deve la sua formazione pianistica ad Angella Annese e Marisa Somma, quella musicologica a Nicola Scardicchio. Parallelamente agli studi pianistici approfondisce gli studi sulla didattica della musica perfezionandosi con il maestro Sebastian Korn. Scrive per Il Foglio, Tempi, Amadeus, Il Corriere Musicale

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti