Richard Strauss, il corno di Andrea Cesari

[wide]
[/wide]

L’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento diretta da Daniel Kawka: pagine di Dvořák, Strauss e una prima assoluta di Marcello Filotei


di Emilia Campagna


La legge 100 continua a falcidiare peggio di un’epidemia: saltano concerti e collaborazioni, tutto per colpa della norma che impedisce ai dipendenti delle Fondazioni lirico-sinfoniche di ottenere permessi per esercitare la libera professione. Ne ha fatto le spese anche l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento che in cartellone per i concerti di questa settimana aveva il nome prestigioso del cornista Alessio Allegrini impegnato nel Concerto n. 1 di Richard Strauss. La speranza in una deroga è stata anche in questa occasione vana e Allegrini ha disdetto la sua partecipazione. Poco male, in Haydn hanno ottime prime parti, spesso peraltro valorizzati dalla stessa compagine che li presenta come solisti nei propri concerti: e al forfait di Alessio Allegrini ha posto rimedio Andrea Cesari, primo corno dell’Orchestra Haydn che della pagina straussiana era stato recente interprete a Montreal. Così, il pubblico ha avuto il suo concerto ed anche un beniamino da applaudire – resta la stortura di una legge che impone una restrizione intollerabile ad enti, organizzatori, alle stesse orchestre i cui professori arricchiscono la propria esperienza professionale altrimenti limitata magari alla “fila”.

Degna di nota l’esecuzione di Andrea Cesari, che conduceva sotto la bacchetta di Daniel Kawka una lettura convincente, ben alternata tra il brio di temi ben ritmati e la morbidezza di fraseggi cantabili ed espressivi. Chiudeva il concerto, aperto da “Haydn in my mind”, pagina in prima assoluta di Marcello Filotei, una sontuosa esecuzione della Settima Sinfonia di Dvořák, dove l’orchestra magistralmente faceva incontrare tono epico, affetto boemo, leggerezza e pathos.

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Emilia Campagna

È pianista e critico musicale. Gli studi pianistici l’hanno portata a perfezionarsi con Michele Campanella e ad approfondire lo studio della musica da camera con Pier Narciso Masi all’Accademia Pianistica “Incontri col maestro” di Imola; accanto al perfezionamento pianistico, ha condotto studi umanistici e musicologici presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Trento, dove si è laureata con una tesi sugli Studi per pianoforte di György Ligeti, lavoro che è stato oggetto di una personale e appassionante sintesi tra il proprio percorso pianistico e quello dell’approfondimento musicologico. L’interesse per la divulgazione e la promozione musicale l’ha portata presto a dedicarsi alla critica musicale per il giornale “L’Adige”, su cui scrive dal 1997, e ad occuparsi per alcuni anni dell’attività di comunicazione e ufficio stampa del “Premio Bonporti”, Concorso Internazionale di Musica su Strumenti Originali. Dal 2008 è corrispondente della rivista Amadeus ed inviato di Radio 3 Rai per la trasmissione “Radio 3-Suite”. Accanto all'impegno come critico musicale vive un rapporto a tutto tondo con il mondo musicale: svolge un'attività concertistica in ambito cameristico, si dedica con passione all’insegnamento del pianoforte e tiene corsi di scrittura giornalistica finalizzati alla critica musicale.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti