“Verso Traiettorie”, Parma

[wide]

La Casa della Musica a Parma

[/wide]

Prosegue la seconda edizione della rassegna organizzata dalla Fondazione Prometeo in collaborazione con la Casa della Musica


L’iniziativa assume quest’anno un valore particolare, come ha spiegato Martino Traversa, presidente della Fondazione: «Questa piccola rassegna di concerti primaverili, un vero e proprio preludio all’edizione di Traiettorie 2012, per una pressoché totale mancanza di risorse forse sarebbe stato più saggio non realizzarla. Tuttavia, per il ruolo centrale che la Fondazione Prometeo ha assunto in questi anni nell’ambito della promozione della musica moderna e contemporanea in Italia, abbiamo preferito ancora una volta portare avanti con impegno le nostre iniziative, nella speranza che la città risponda positivamente a quanto stiamo facendo».

Alla rassegna va il merito di una costante grande attenzione alla musica contemporanea nelle sue diverse espressioni, che si avvale della preziosa collaborazione della Casa del Suono e del suo Laboratorio di elettroacustica (Label), realtà all’avanguardia nei campi della sintesi, spazializzazione e trasformazione ed elaborazione del suono in tempo reale. I prossimi appuntamenti vedranno protagonisti – il 5 e il 7 Giugno alle ore 20.30 presso la Casa del Suono e la Sala dei concerti della Casa della Musica di Parma – rispettivamente il violocellista Francesco Dillon e il pianista Alberto Miodini.

Dillon si esibirà insieme a Fons Andriessen (alla regia del suono) e al compositore Paolo Aralla (curatore dell’elettronica live) in un programma che prevede, tra i brani per violoncello ed elettronica, una versione del IV quaderno delle Analogie (2009), di cui è autore lo stesso Aralla, un’inedita versione di “…Winterlich Ruhende Erde…” (2000) di Luís Antunes Pena, in prima esecuzione assoluta, e Fail (2010) della giovane Milica Djordjević; e poi opere per violoncello e traccia audio di Alvin Lucier (Charles Curtis, 2002), Michel van der Aa (Oog, 1995), Carola Bauckholt (Ohne Worte, 2011)

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti