Cage, Electronic music for piano

[wide]

[/wide]

In una nuova registrazione le composizioni del 1964 tratte da Music for piano


di Mario Leone


N el XX secolo uno dei compositori che ha maggiormente ampliato il concetto di “musica” è sicuramente John Cage (1912 – 1992) del quale ricorrono quest’anno i cento anni dalla nascita e i venti dalla morte. Per questa occasione la Stradivarius propone, nella collana Timesfuture, un’ interessante incisione di Electronic Music for piano i cui protagonisti sono Ciro Longobardi (pianoforte) e Agostino Di Scipio (computer e live electronics). Composti nel 1964, i brani poggiano su una serie di composizioni pianistiche preesistenti (Music for piano 4 – 84). L’uso di questo materiale pianistico permette un’ampia libertà d’interazione tra pianoforte ed elettronica, che si influenzano vicendevolmente. È proprio qui la vera sfida accolta dai due musicisti: attingere da Music for piano traendone una serie di sette sequenze per la durata totale di circa un’ora e coniugarle con alcune indicazioni molto generali, anche criptiche, che Cage stesso aveva lasciato prima di un concerto (come spunto per amplificare ed elaborare il suono) a David Tudor, fidato pianista di tante “prime”. Queste sequenze son diventate dei veri e propri “movimenti” contraddistinti da precise modalità esecutive. Un lavoro di ricerca e di analisi sia della partitura che del pensiero di Cage iniziato verso la fine del 2008 e protrattosi per ben quattro anni, come racconta lo stesso Di Scipio nel libretto allegato al cd, che ha permesso loro di realizzare un’esecuzione non arbitraria ma precisa e ponderata, che va a fondo non solo delle indicazioni del compositore statunitense ma esalta il concetto stesso che Cage ha di musica. In questo senso sono da considerarsi musica anche il rumore e il silenzio: l’elaborazione elettronica è prodotta alcune volte da due altoparlanti utilizzati al limite della loro dinamica e in alcuni momenti in distorsione oppure dall’utilizzo di microfoni e altoparlanti posti troppo vicini l’un l’altro che producono quel fastidioso effetto di sistema di amplificazione mal governato, che in questo caso però diventa materia e senso musicale.  Su questa scia anche la scelta di conservare la presenza nella registrazione di molti rumori accidentali connessi alla performance come richiede espressamente lo stesso Cage: “osservare le imperfezioni del silenzio in cui la musica è suonata”.


John Cage | Electronic music for piano | Ciro Longobardi, pianoforte – Agostino Di Scipio, computer e live electronics | Stradivarius


© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Mario Leone

Deve la sua formazione pianistica ad Angella Annese e Marisa Somma, quella musicologica a Nicola Scardicchio. Parallelamente agli studi pianistici approfondisce gli studi sulla didattica della musica perfezionandosi con il maestro Sebastian Korn. Scrive per Il Foglio, Tempi, Amadeus, Il Corriere Musicale

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti