Charles Ives, un “eroe americano” alla Kafka

Ha svolto il lavoro di assicuratore per molti anni della sua vita, la musica nel cassetto fino alla prima maturità, premio Pulitzer nel 1947, adorato da Leonard Bernstein e Frank Zappa. Il nipote ha venduto ora la sua casa di Redding, nel Connecticut

di Giampiero Cane

NEL 1939 CHARLES IVES ERA ANCORA UN MUSICISTA QUASI DEL TUTTO SCONOSCIUTO, ma aveva già 65 anni, essendo nato nel 1874. Da tre lustri almeno aveva smesso di scrivere musica, quando alla Town Hall di New York John Kirkpatrick, il 20 . . .



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


L'autore: Giampiero Cane

Dagli anni Sessanta critico musicale per quotidiani e riviste, collabora ancora oggi con il manifesto. Ha insegnato nell’Università di Bologna, avendo la cattedra di Civiltà musicale afro americana, ma coprendo per sei anni anche l’insegnamento di Storia della musica moderna e contemporanea. È autore di alcuni libri, tra io quali si possono ricordare Tre deformazioni dolorose: Sade, Rossini, Leopardi, Canto nero (sul free jazz), MonkCage (sul Novecento musicale Usa), e Confusa-mente il Novecento.