A Venezia una festa per Mario Messinis

[wide]

CRITICI MUSICALI | Al centro della foto, Mario Messinis; a sinistra Mario Bortolotto, a destra Gian Paolo Minardi e Alberto Caprioli

[/wide]

Cartellone  In omaggio agli 80 anni del noto critico e organizzatore musicale, da sempre attivo nel campo della contemporanea, oggi alle Sale Apollinee della Fenice una serata dell’Ex Novo Ensemble diretto da Claudio Ambrosini: in programma, autori da lui amati e prime assolute che gli sono state dedicate


di Patrizia Luppi


N on in scena, ma dietro le quinte: anche così si può essere grandi protagonisti del mondo musicale. È il caso di Mario Messinis, 80 anni il 7 marzo scorso e una carriera lunga decenni come organizzatore ai massimi livelli, acuto studioso e critico militante (da sempre al Gazzettino di Venezia). Dalla Biennale Musica al Teatro La Fenice, dalle Orchestre Rai di Torino e di Milano (quando quest’ultima ancora esisteva) al Bologna Festival di cui è l’attuale direttore artistico, e in numerosi altri luoghi, Messinis ha impresso il segno della sua cultura e della sua personalità mantenendo sempre alto il suo speciale fervore per la musica d’oggi.

Ed ecco che questa sera si terrà, per rendergli omaggio, “Paesaggi immaginari, festa per gli ottant’anni di Mario Messinis”: un concerto (Sale Apollinee del Teatro La Fenice, ore 20), organizzato dall’Ex Novo Ensemble in collaborazione con SaMPL (Sound and Music Processing Lab) – all’interno della propria stagione, con pagine di compositori, del passato e del presente, da Messinis particolarmente amati: «Quando ci siamo trovati a pensare un programma per un concerto-festa che si intendeva dedicare a Mario Messinis per il suo ottantesimo compleanno», spiega il pianista Aldo Orvieto,  «ci siamo voluti impegnare nell’elaborare un programma che davvero narrasse le passioni musicali del dedicatario. Nel corso degli anni – sarebbe meglio dire dei decenni – Mario Messinis è stato per noi musicisti veneziani non solo una guida preziosa nell’ideare progetti artistici ma una figura di riferimento con la quale confrontarsi giorno per giorno sul “fatto musicale”».

Nella prima parte del concerto, si ascolteranno quindi di John Cage Imaginary Landscape No. 5 (1952) per 42 dischi fonografici e Imaginary Landscape No. 1 (1939) per dischi a frequenza costante e variabile, piatto cinese grande, string piano, poi la Terza sonata (1918), per violino e pianoforte, di Debussy e la Canonic Suite (1945/1981) per quattro clarinetti di Elliott Carter. In programma poi le prime assolute di tre brani scritti per l’occasione su commissione dell’ensemble veneziano e a Messinis dedicati, Vite di suoni illustri per flauto, clarinetto, violino, violoncello e pianoforte, di Claudio Ambrosini; M. M. = 80 (Der schöne Kreis des Lebens) per pianoforte, di Fabio Nieder; … l’alba dei suoni … per flauto, clarinetto, violino, viola, violoncello, percussioni, pianoforte e live electronics, di Adriano Guarnieri.

Con l’Ex Novo diretto da Claudio Ambrosini, parteciperanno Aldo Orvieto al pianoforte e Alvise Vidolin, live electronics e regia del suono; un preludio critico sarà affidato a Massimo Contiero.
Info: www.exnovoensemble.it

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Patrizia Luppi

Giornalista professionista, fa parte dell’Associazione nazionale dei critici musicali. È stata a lungo redattrice di due riviste specializzate, prima Musica Viva e poi Amadeus; nel frattempo ha svolto numerose altre attività, in particolare collaborando con quotidiani (è stata fra l’altro il critico musicale del dorso milanese de La Stampa), con testate settimanali e mensili, con Rai RadioTre e con RaiSat Show. Per un decennio direttore responsabile di Esz News, quadrimestrale delle Edizioni Suvini Zerboni, conserva tuttora uno speciale interesse per la musica contemporanea; attraverso gli studi giovanili di canto, con maestre come Rosetta Noli e Carla Castellani, e quelli di recitazione svolti in età più matura, ha coltivato l’amore per l’opera lirica e per la musica vocale da camera. È vicedirettore del Corriere Musicale

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti