Dieci link della settimana


Web Notizie interessanti e curiose dalle principali pubblicazioni online straniere


a cura di Patrizia Luppi (hanno collaborato Laura Bigi e Francesco Fusaro)


1, 2, 3

La polemica tutta italiana sulla prima scaligera Verdi-Wagner ha oltrepassato le Alpi e pure la Manica. In Gran Bretagna, tre dei maggiori quotidiani (The Independent, The Guardian, The Telegraph) hanno dedicato articoli a questa vera e propria battaglia (così l’hanno definita).


4

Positivi riscontri per il primo concerto a Francoforte della tournée di Claudio Abbado con la sua Orchestra Mozart in un recital tutto dedicato alla musica di Bach. Recensione sul Frankfurter Allgemeine Zeitung.


5

La National Youth Orchestra of Great Britain ha ricevuto dalla regina Elisabetta la medaglia al merito in occasione della premiazione al Barbican Center. La giovane orchestra è la prima a ricevere l’ambito riconoscimento. Articolo di Gramophone.


6

Questa sera, alla Cité de la Musique di Parigi (e il 15 dicembre alla Criée di Marsiglia) Marie Josèphe Jude e Michel Béroff daranno un concerto su un pianoforte molto particolare, con una sola cassa armonica e due tastiere vis-à-vis: è un raro Pleyel del 1928 che fa parte delle collezioni del Musée de la Musique. La notizia è di Le Figaro.


7

Una Traviata sensuale e molto provocatoria nella lettura della regista Andrea Breth per La Monnaie di Bruxelles. Recensione di Die Welt.


8

Mezzo migliaio di persone hanno cantato in coro nel Messiah di Händel al’Auditorio Nacional di Madrid, con la direzione dell’italiano Andrea Marcon. Come riferisce El País, si trattava del pubblico coinvolto (insieme con il Coro e l’Orchestra La Cetra di Basilea) in uno dei conciertos participativos che si tengono dal 1995 e che offrono a semplici amatori la possibilità di prodursi in concerto con veri professionisti.


9

Penetrante la nuova produzione di L’écume des jours di Edison Denisov (1981) alla Staatsoper di Stuttgart, secondo il Neue Zürcher Zeitung:


10

Dall’incontro tra due discofili appassionati, entrambi celebri, l’uomo d’affari e mecenate Pierre Bergé (nella foto) e lo scrittore e critico musicale André Tubeuf, un video che parla del posto importante che ha sempre avuto nelle loro vite la musica registrata. Servizio su Qobuz.com.

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Patrizia Luppi

Giornalista professionista, fa parte dell’Associazione nazionale dei critici musicali. È stata a lungo redattrice di due riviste specializzate, prima Musica Viva e poi Amadeus; nel frattempo ha svolto numerose altre attività, in particolare collaborando con quotidiani (è stata fra l’altro il critico musicale del dorso milanese de La Stampa), con testate settimanali e mensili, con Rai RadioTre e con RaiSat Show. Per un decennio direttore responsabile di Esz News, quadrimestrale delle Edizioni Suvini Zerboni, conserva tuttora uno speciale interesse per la musica contemporanea; attraverso gli studi giovanili di canto, con maestre come Rosetta Noli e Carla Castellani, e quelli di recitazione svolti in età più matura, ha coltivato l’amore per l’opera lirica e per la musica vocale da camera. È vicedirettore del Corriere Musicale

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti