Kurt Weill, il genio dell’immediatezza

Americana • Europeo di nascita, è stato uno dei migliori interpreti della musica del Nuovo mondo, dove arrivò da ebreo profugo. La musica che lo rende unico è quella che scrisse per il cinema e per il teatro musicale statunitense

di Giampiero Cane

Kurt Weill non nacque negli Stati uniti, ma a Dessau, in Germania, nel marzo del 1900. Ciò non toglie che, pur essendo un europeo della fine del XIX secolo, egli sia anche uno dei migliori interpreti della . . .



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


L'autore: Giampiero Cane

Dagli anni Sessanta critico musicale per quotidiani e riviste, collabora ancora oggi con il manifesto. Ha insegnato nell’Università di Bologna, avendo la cattedra di Civiltà musicale afro americana, ma coprendo per sei anni anche l’insegnamento di Storia della musica moderna e contemporanea. È autore di alcuni libri, tra io quali si possono ricordare Tre deformazioni dolorose: Sade, Rossini, Leopardi, Canto nero (sul free jazz), MonkCage (sul Novecento musicale Usa), e Confusa-mente il Novecento.