In memoria di Massimo Nosetti

OLYMPUS DIGITAL CAMERA


Ritratto e ricordo dell’organista recentemente scomparso, musicista di caratura internazionale


di Attilio Piovano


LA SERA DELLO SCORSO TRENTA SETTEMBRE inaugurò a Torino presso il Santuario di Santa Rita la XXX edizione del Festival Organistico Internazionale che egli stesso aveva fondato e del quale era direttore artistico. Fu un concerto memorabile, dal contenuto come sempre equilibrato e stimolante, un mix di pagine di repertorio (il sublime Triplo Preludio e Fuga in mi bemolle maggiore BWV 552 di Bach accanto al toccante Terzo Corale di Franck) in abbinamento a rarità (la relativamente nota trascrizione dal wagneriano Tannhäuser a cura di Edwin Lemare, ma anche pagine dei poco frequentati Fredrik Sixten, Giuseppe Magistris e Léonce de Saint-Martin). Poi in chiusura una superba improvvisazione: scelse il tema del «Salve Regina» che come sempre seppe variare con grande raffinatezza armonica e infallibile gusto timbrico, grazie anche alle risorse dello Zanin a 4 manuali dagli oltre 50 registri, dotato di un moderno sequencer, strumento ch’egli stesso aveva progettato nel 1990 e del quale andava giustamente orgoglioso. Un’improvvisazione che, prendendo le mosse da delicate filigrane, fece poi intendere il tema gregoriano, ora al grave ora all’acuto, giù giù fino al culmine di un poderoso fortissimo, quindi ancora sonorità rarefatte. Aspettavamo il secondo, trionfante climax (come d’abitudine) ovvero la sfolgorante apoteosi con ance e Tutti. E invece quella sera di inizio autunno Massimo Nosetti preferì chiudere la sua commovente improvvisazione in un delicato clima sonoro, quasi scivolando nel silenzio assoluto prima degli applausi scroscianti. Ora quell’improvvisazione assume il carattere profetico di un intimo commiato. Nessuno poteva certo immaginare che sarebbe stato il suo ultimo concerto. Una brevissima quanto devastante malattia lo ha rapito anzitempo la sera dello scorso 12 novembre, all’età di cinquantatré anni. Alle esequie, presso il Santuario, presiedute dall’Arcivescovo di Torino, una folla immensa di amici, allievi e colleghi, alcuni giunti da molto lontano come lo statunitense, organista e amico di sempre Mark McClellan.

Nella sua breve ma intensa vita di musicista a trecentosessanta gradi, Massimo Nosetti, che era nato ad Alessandria nel 1960, è stato in primis organista. Solidi studi presso il Conservatorio di Torino con Enrico Girardi e Guido Donati, poi il perfezionamento con Jean Langlais, inoltre studi in composizione, polifonia vocale, musica corale e direzione di coro a Torino e Milano. Oltre che interprete e concertista acclamato, Nosetti fu altresì direttore d’orchestra e di coro, compositore, specie sul versante del suo strumento e della musica sacra (sue le musiche per le Ostensioni della Sindone del 1998 e del 2000 eseguite dall’OSNRai). Svolgeva una fitta attività in quasi tutti i paesi europei, come pure in America del Nord e del Sud, Russia, Asia e Oceania. L’incisione di ben 35 cd testimonia una vasta cultura e un interesse a tutto campo per la plurisecolare letteratura organista, con speciale predilezione per il tardo romanticismo e una sensiblerie originalissima per l’universo francese che tanto amava. Docente per decenni presso il Conservatorio “G. F. Ghedini” di Cuneo ha formato schiere di interpreti, molti dei quali oggi attivi in veste di concertisti.

Uomo di ampia cultura, rara sensibilità e profonda fede, Nosetti è stato inoltre Direttore del Segretariato Organisti dell’Associazione Italiana Santa Cecilia, organista titolare della Cattedrale di Torino, già Direttore del Coro del Duomo stesso (dal 1981), membro di giuria in svariati e prestigiosi concorsi internazionali. All’apprezzata attività didattica (masterclass presso Università in Giappone come negli Usa) affiancava un’acuta competenza organologica in ambito di problematiche progettuali, costruttive e di restauro che lo ha condotto (tra l’altro) ad ideare svariati nuovi strumenti di moderna concezione. Con la sua scomparsa rimpiangiamo un compagno di percorso,  soprattutto perdiamo un musicista di caratura internazionale, dalla folgorante, intensissima attività.

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Attilio Piovano

Attilio Piovano (Torino, 1958), musicologo e scrittore, ha pubblicato Invito all’ascolto di Ravel (Mursia 1995), i racconti musicali La stella amica (Daniela Piazza 2002) e Il segreto di Stravinskij (Riccadonna 2006), i romanzi L’Aprilia blu (Daniela Piazza 2003) e Sapeva di erica, di torba e di salmastro (rueBallu 2009, prefazione di Uto Ughi). In preparazione una nuova raccolta di racconti musicali. Laurea in Lettere, studi in Composizione, diploma in Pianoforte, in Musica corale e Direzione di Coro, è autore di contributi, specie sulla musica di primo Novecento, apparsi in volumi miscellanei, atti di convegni e su rivista. Saggista e conferenziere, ha collaborato con La Scala, la RAI, il Festival MiTo, lo Stresa Festival, La Fenice, l’Opera di Roma, il Teatro Lirico di Cagliari, l’Unione Musicale, il Teatro Regio, il Politecnico di Torino e con varie altre istituzioni. Corrispondente del «Corriere del Teatro», scrive per «Torinosette», magazine de «La Stampa», ha collaborato con «Amadeus», scrive inoltre per «La Voce del Popolo» (da 24 anni) ed esercita la critica su più testate. Docente di Storia ed Estetica della Musica (dal 1986, presso vari Conservatori), dal 1991 a tutt’oggi è titolare di tale disciplina presso il Conservatorio ‘G. Cantelli’ di Novara dove è inoltre incaricato dell’insegnamento di Musica sacra moderna e contemporanea (Analisi delle forme compositive) nell’ambito del Corso biennale di Diploma Accademico in Discipline Musicali (Musica sacra) attivato a partire dall’a.a. 2008/2009 in collaborazione con il Pontificio Ateneo di Musica Sacra in Roma. A partire dall'anno accademico 2012-2013 tiene un corso monografico su «Architettura, Scenografia e Musica» presso il Dipartimento di Architettura & Design del Politecnico di Torino (in collaborazione con Fondazione Teatro Regio: workshop specialistico destinato al Corso di Laurea Magistrale). È stato Direttore Artistico dell’Orchestra Filarmonica di Torino. Da 37 anni (dal 1976 a tutt’oggi) è organista presso la Cappella Esterna dell’Istituto Internazionale ‘Don Bosco’, Pontificia Università Salesiana (UPS), sezione di Torino. È citato nel «Dizionario di Musica Classica» a cura di Piero Mioli, BUR, Milano (2006), che gli dedica una ‘voce’ specifica (vol. II, p. 1414).

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti