«Cremona Pianoforum», le trentadue sonate di Beethoven

beethoven


Convergenze didattiche: i pianisti diplomati dell’Istituto Monteverdi e gli studenti del Dipartimento di musicologia uniti nel segno del compositore tedesco


di Laura Mazzagufo


ÈUN DATO DI FATTO: difficile far quadrare i conti in quei piccoli teatri di provincia che non vivono d’opera lirica, isola a volte felice nelle acque impervie della crisi economica. Benché anch’esso affetto da questo malessere virale, il Teatro Filodrammatici di Cremona si conferma un modello virtuoso grazie a una programmazione concertistica e cinematografica d’alta qualità, che fa onore ai suoi due secoli di storia.

La quarta edizione del Cremona Pianoforum, ad esempio, è un caso emblematico dell’atteggiamento positivo rivolto alla promozione delle giovani leve e di una cultura al servizio della cittadinanza: il programma di quest’anno propone l’esecuzione integrale delle sonate per pianoforte di Beethoven, distribuite in otto concerti tenuti dai pianisti diplomati dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Claudio Monteverdi” e introdotti dagli studenti del Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università degli Studi di Pavia. Se l’apertura si è svolta nel segno della musicologia, con una lezione introduttiva sullo stile pianistico e sulla forma-sonata in Beethoven a cura di Gianmario Borio e Fabrizio Della Seta, docenti del Dipartimento, martedì 4 marzo invece sarà lo stesso direttore artistico, Alberto Baldrighi, ad inaugurare il ciclo di concerti, in duo con Anna Colette Ricciardi (ore 21).

Maggiori informazioni sulle date dei successivi appuntamenti e sugli interpreti.

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Laura Mazzagufo

Nasce a Giulianova nel 1988 e si avvicina alla musica studiando privatamente pianoforte. Con la maggiore età trascina la sua gioviale cadenza abruzzese a Cremona per frequentare la Facoltà di Musicologia (Università degli Studi di Pavia), dove si appassiona alla filologia d’autore. Ha pubblicato recensioni e interviste sul giornale “L’Adige” e ha curato la redazione del blog del corso di critica e giornalismo musicale “Parola all’ascolto”

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti