Amiata Piano Festival festeggia la decima edizione

Cantina ColleMassari panorama


Festival • Presentata allo Spazio Fazioli di Milano la nuova programmazione del festival toscano diretto da Maurizio Baglini. Apertura il 26 giugno con programma e ospiti a sorpresa, scelti anche tra i protagonisti delle precedenti edizioni


di Cecilia Malatesta


SE SI PENSA alla Toscana, culla di millenaria tradizione artistica, come un humus fertile per nuovi stimoli culturali, luogo attento e ad aperto a nuove proposte, non poco si sbaglia; al di là dei centri maggiori, una sconfinata provincia dalle enormi potenzialità ne rimane estranea e la fatica di portare qualche ventata di novità sembra essere il leit motiv di tanti direttori artistici. Restìo il Casentino aretino, restìa la più profonda maremma grossetana, restìa anche al turismo, a dir la verità, perché le masse raramente si spingono oltre il monte Argentario e Castiglione della Pescaia, con il loro rassicurante mare verde e blu, la spiaggia di sabbia e la pineta che concilia il meritato relax postprandiale. Se da qualche tempo pare che qualcosa si stia smuovendo (i festival “PianoForte” a Pratovecchio, “Terre di Scansano” intorno a Grosseto), in zona Civitella Paganico, oltre alla storica sagra della salsiccia – benemerita – son ormai dieci anni che Amiata Piano Festival offre una programmazione di musica classica di alto livello.

Maurizio Baglini e Silvia Chiesa in un assaggio musicale allo Spazio Fazioli

Maurizio Baglini e Silvia Chiesa allo Spazio Fazioli

Per quest’edizione speciale resta l’ossatura ormai consolidata di dodici concerti distribuiti su tre lunghi week-end a fine giugno, luglio e agosto e restano i luoghi, la Sala Musica di Collemassari e la Chiesa della tenuta di Montecucco per le prime due tranches, la suggestiva cantina dell’azienda vinicola per l’ultima, in attesa del Forum Collemassari, auditorium biodinamico da trecentocinquanta posti, in via di ultimazione tra le vigne, sulla collina che guarda il monte Amiata. Sempre meno incentrato unicamente sul pianoforte, al Festival approdano quest’anno l’arpa di Floraleda Sacchi (29 giugno), i fiati dell’Orchestra dell’Opera di Rouen (28 e 29 agosto), i contrabbassi della The Bass Gang (30 agosto), il robot Teo Tronico, che, con le sue cinquantatrè dita, sfida sulla tastiera Roberto Prosseda (27 giugno);  il Quartetto di Cremona (31 agosto) e il Trio di Parma (27 luglio), che con la figura di Enrico Bronzi vuole rendere omaggio a Claudio Abbado, cui è dedicata quest’ultima edizione. Gli onori di casa spettano al fondatore Maurizio Baglini e a Silvia Chiesa che interverranno al fianco degli amici musicisti che hanno fatto la storia del Festival. Restano le degustazioni di Montecucco; il Chianti e il Montalcino lasciamoli agli aficionados  del litorale e dei colli più affollati.

Per il programma completo www.amiatapianofestival.com

© Riproduzione riservata

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Cecilia Malatesta

Nata a Milano nel 1986, dopo svariati anni di studi pianistici classici, decide di dedicarsi alla musica dal punto di vista teorico; si laurea così in Beni culturali, indirizzo musicologico, con una tesi sulle musiche di scena di Gipo Gurrado per il teatro di “Quelli di Grock”. Dopo un periodo di studio all’Université Rabelais di Tours (2009-2010), si innamora della Francia medievale e termina gli studi magistrali sotto la guida di Davide Daolmi con una tesi che propone una rilettura del mecenatismo musicale di Eleonora d’Aquitania. Ha collaborato con il Comune di Abbiategrasso alla realizzazione del Festival di teatro urbano “Le strade del teatro” (edizione 2007) e con l’Ufficio Ricerca Fondi Musicali della Biblioteca Nazionale Braidense. Attualmente è collaboratrice Rilm Italia e cerca la propria strada, sognando che s’incroci con quella della musica antica.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti