L’emozionante «Creazione» di Philippe Herreweghe

foto di Pasquale Juzzolino

foto di Pasquale Juzzolino


L’oratorio di Franz Joseph Haydn è stato eseguito nella stagione del Lingotto di Torino con l’Orchestre des Champs-Elysées e il Collegium Vocale Gent


di Attilio Piovano


ASCOLTARE PER INTERO Die Schöpfung (La Creazione), il sublime oratorio per soli coro e orchestra che Haydn compose nella fase finale della sua lunga vita, su libretto del colto barone van Swieten, è sempre un’esperienza totalizzante. Se poi a proporla è un ensemble di eccezionale bravura e di altissimo livello il tasso di emozione sale parecchio e si esce dalla sala da concerto con la sensazione di aver compiuto un percorso tonificante, benefico e salutare per lo spirito e – perché no – anche per i sensi. È accaduto martedì 17 marzo a Torino per la stagione di Lingotto Musica: protagonisti di un’esecuzione di lusso l’Orchestre des Champs-Elysées dalle ottime prime parti (suona con strumenti originali sfoderando una singolare perfezione tecnica e una coinvolgente bellezza timbrica, lontana mille miglia da certi sterili ed esangui manierismi, per fortuna sempre meno di moda), il complesso vocale Collegium Vocale Gent, oggi in assoluto uno dei migliori cori mondiali quanto a interpretazione di capolavori settecenteschi, e le voci solistiche del superlativo baritono Rudolf Rosen, dell’ineccepibile tenore Maximilian Schmitt e del soprano Christina Landshamer, pur valida anche se talora lievemente in difficoltà (dei tre, l’unica ad aver convinto solo in parte). A governare il tutto con mano salda e incredibile, partecipe sensibilità lo specialista Philippe Herreweghe che del Collegium Gent fu il fondatore nel lontano 1970.

Della Creazione Herreweghe pone in evidenza la singolare ricchezza di contenuti mettendo a fuoco l’immensa sequela di dettagli di cui la partitura è costellata pur senza mai perdere la visione di insieme. Sotto la sua guida esperta coro e orchestra rispondono magnificamente; e allora quanta gioia nel ripercorre i singoli ‘numeri’ di questo capolavoro impregnato di fede e alimentato a una freschezza sorgiva (ammettiamolo, anche un poco naïve) che ha del prodigioso nell’ultra sessantenne Haydn. Quante delizie, a partire dall’esordio, come un tentennare nelle tenebre e poi ecco lo sfolgorante accordo che suggella il primo sorgere della Luce agli albori del mondo, dopo l’informe Caos, con trombe e timpani, un passo che alla prima esecuzione viennese strappò un applauso entusiasta a scena aperta e ancora oggi conserva integra tutta la sua vis. E le bellezze del Creato, descritte con mano felice e rapito stupore da ‘papà’ Haydn in una miriade di immagini sonore sempre aderenti al testo, mai gratuite, che al vocabolario settecentesco del melodramma coi suo consolidati topoi attingono a piene mani. E allora verzure e stelle mirifiche, e poi i primi  animali e il ruggire del leone accanto al belare delle pecore e al ronzio delle api, ma anche un temporale (che di fatto influenzò il Beethoven della Sesta Sinfonia) e la grandine e la neve boffice e lo splendore del sole che si erge come un dio greco e via elencando. Tutte immagini che nell’interpretazione ascoltata avevano il loro giusto rilievo, giù giù sino all’apparizione delle umane figure di Adamo ed Eva che campeggiano nella seconda e terza parte dell’oratorio.

Impossibile enumerare tutti i momenti che hanno indotto indicibili emozioni. Tra i molti la celebre aria  dell’Uomo («Mit Würd») affidata ad Uriel e ottimamente resa dal tenore Schmitt, aria impastata di calda humanitas e toni ambrati. Quanta possanza, poi, si è potuta ammirare nei cori per lo più di vistosa matrice haendeliana (ma si sente anche l’eco di non pochi passi di Zauberflöte) dove il Collegium Gent ha raggiunto vertici di bellezza inaudita. Assoluta perfezione nei numerosi e superbi fugati, una trasparenza di suono davvero unica, molto gusto e sensibilità. E si sente che il Collegium è avvezzo a cantare le Passioni bachiane e più in generale il repertorio barocco tedesco (pur non disdegnando pagine ancora rinascimentali, ovvero spingendosi nel Romanticismo e addirittura nel contemporaneo). Un’interpretazione che è apparsa come una salutare lezione di stile e di cultura, una full immersion nella storia biblica, più ancora nella storia della letteratura musicale, una lezione di ‘analisi’ e – all’ascolto – la chiarificante rivelazione che senza La Creazione non ci sarebbero stati capolavori ottocenteschi come i mendelssohniani Paulus e l’Elias. Bissato, con  soddisfazione del pubblico il conclusivo coro «Cantate al Signore voci tutte / La gloria del Signore resta in eterno». Protratti  e festosi applausi al termine di una serata d’eccezione: della quale a lungo conserveremo memoria.

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Attilio Piovano

Musicologo e scrittore, ha pubblicato (tra gli altri) Invito all’ascolto di Ravel (Mursia 1995, ristampa RCS 2018), i racconti musicali La stella amica (Daniela Piazza 2002), Il segreto di Stravinskij (Riccadonna 2006) e L’uomo del metrò (e-book interattivo per i tipi de ilcorrieremusicale.it 2016, prefazione di Gianandrea Noseda). Inoltre i romanzi L’Aprilia blu (Daniela Piazza 2003) e Sapeva di erica, di torba e di salmastro (rueBallu 2009, prefazione di Uto Ughi). Coautore di una monografia su Felice Quaranta (con Ennio e Patrizia Bassi, Centro Studi Piemontesi 1994), del volume Venti anni di Festival Organistico Internazionale (con Massimo Nosetti, 2003), curatore e coautore del volume La terza mano del pianista (Testo & Immagine 1997). Laurea in Lettere, studi in Composizione, diploma in Pianoforte, in Musica corale e Direzione di Coro, è autore di contributi, specie sulla musica di primo ‘900, apparsi in volumi miscellanei, atti di convegni e su rivista. Saggista e conferenziere, vanta collaborazioni con La Scala, Opéra Royal Liège, RAI, La Fenice, Opera di Roma, Lirico di Cagliari, Coccia di Novara, Carlo Felice di Genova, Stresa Festival, Orchestra Camerata Ducale ecc.; a Torino col Festival MiTo (già Settembre Musica, ininterrottamente dal 1984), Unione Musicale, Teatro Regio, Politecnico e con varie altre istituzioni. Già corrispondente del «Corriere del Teatro», ha esercitato la critica su più testate; dalla fondazione scrive per «ilcorrieremusicale.it»; ha scritto inoltre per «Torinosette», magazine de «La Stampa», ha collaborato con «Amadeus» e scrive (dal 1989) per «La Voce del Popolo» (dal 2016 divenuta «La Voce e il Tempo»); dal 2018 recensisce per «Il Corriere della Sera» (edizione di Torino). Membro di giuria in concorsi letterari nonché di musica da camera e solistici. Docente di Storia ed Estetica della Musica (dal 1986, presso vari Conservatori), dal 1991 a tutt’oggi è titolare di cattedra presso il Conservatorio “G. Cantelli” di Novara dove è inoltre incaricato dell’insegnamento di Storia della Musica sacra moderna e contemporanea nell’ambito del Corso biennale di Diploma Accademico in Discipline Musicali (Musica sacra) attivato dall’a.a. 2008/2009 in collaborazione col Pontificio Ateneo di Musica Sacra in Roma. Dal 1° gennaio 2018, cura inoltre l’Ufficio Stampa del Conservatorio “G. Cantelli”. Dal 2012 tiene corsi monografici sulla Storia del Melodramma (workshop su «Architettura, Scenografia e Musica» presso il Dipartimento di Architettura & Design del Politecnico di Torino, Corso di Laurea Magistrale, in collaborazione con Fondazione Teatro Regio). È stato Direttore Artistico dell’Orchestra Filarmonica di Torino. Dal 1976 a Torino è organista presso la Cappella Esterna dell’Istituto Internazionale ‘Don Bosco’, Pontificia Università Salesiana (UPS), dal 2017 anche presso la barocca chiesa di San Carlo, nella piazza omonima, e più di recente in Santa Teresa. Nell’autunno del 2018 in veste di organista ha partecipato ad una produzione del Requiem op. 48 di Fauré. È citato nel Dizionario di Musica Classica a cura di Piero Mioli, BUR, Milano © 2006, che gli dedica una ‘voce’ specifica (vol. II, p. 1414).

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti