Royal Opera House al cinema


Ritornano gli appuntamenti in diretta da Londra nei cinema italiani. Il Corriere Musicale è tra i media partner della stagione


Per il secondo anno consecutivo prosegue l’iniziativa della Royal Opera House che prevede la visione in diretta di balletti e opere nei cinema italiani. La stagione 2014-15 sarà inaugurata con Manon giovedì 16 ottobre, con Marianela Nuñez e Federico Bonelli, la coreografia di Kenneth MacMillan, (esponente tra i più significativi del ventesimo secolo, fu anche direttore artistico del Royal Ballet tra il 1970 e il ’77), con la direzione orchestrale di Barry Wordsworth e le scenografie di Nicholas Georgiadis.

Il modello economico della stagione londinese, nelle sue visioni in diretta in oltre quaranta paesi del mondo con più di mille cinema coinvolti, potrebbe essere uno spunto di seria riflessione anche per le Fondazioni lirico sinfoniche italiane. In Italia in virtù di una illusoria rinascita economica si attua un vergognoso taglio degli orchestrali (dell’Opera di Roma, ma non solo); sarebbe più opportuno fare investimenti per la crescita sfruttando anche modelli di guadagno meno sperimentati: perché non pensare alle visioni in streaming delle stagioni italiane? Il titolo più produttivo economicamente della stagione 2013-14 della Royal Opera House al cinema è stato Lo schiaccianoci, con un incasso mondiale di 2.700.000 dollari (poco più di due milioni di euro). In Italia l’incasso totale è stato di 266.635€.

La ricca stagione prevede undici rappresentazioni live e due titoli registrati (Romeo e Giulietta il 14 febbraio e Tosca il 15 aprile) proseguirà con I due Foscari (27 ottobre), L’elisir d’amore (26 novembre), Alice nel paese delle meraviglie (16 dicembre), Andrea Chénier (29 gennaio), L’olandese volante (24 febbraio), Il lago dei cigni (17 marzo), Ascesa e caduta della città di Mahagonny (1 aprile), La fille mal gardée (5 maggio), La Bohème (10 giugno), Guglielmo Tell (5 luglio).

Ulteriori informazioni e prenotazioni

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti