«Aida» a Cagliari: il conflitto senza tempo tra amore e ragion di Stato


Il titolo verdiano ha inaugurato la Stagione del Teatro Lirico. La regìa è di Stephan Medcalf, convince Dimitra Theodossiou nel ruolo della protagonista


di Luisa Sclocchis


SCORDATEVI I CHIARI RIFERIMENTI all’antico Egitto. Scordatevi sfingi, piramidi, elefanti in scena, geroglifici e comparse in gran numero. Scordatevi lo sfarzo di regìe, come quella di Zeffirelli (produzione del Teatro alla Scala del 1963, con scene e costumi di Lila De Nobili, ripresa nel 2012), capolavoro teatrale ormai nell’immaginario collettivo. Aida, che lo scorso 29 maggio ha inaugurato la Stagione lirica e di balletto 2015 del Teatro Lirico di Cagliari, nel periodo di contestata gestione della Sovrintendente Angela Spocci, ha tutt’altra impronta. L’allestimento è dell’innovativo regista inglese Stephan Medcalf, ripreso come già avvenuto nel 2009 da Marco Carniti, con scene e costumi di Jamie Vartan. L’ambientazione è quella dell’epoca della prima dell’opera, il 1871, con attenzione particolare alla guerra franco-prussiana del 1870 (quella stessa che isolò Parigi impedendo l’arrivo a Il Cairo di scene e costumi in tempo per i festeggiamenti per l’apertura del Canale di Suez), ed alle suggestioni esotiche ed orientaleggianti.


La lettura di questo contenuto è gratuita ma è necessario iscriversi al sito per proseguire la consultazione. Fai il Login oppure Registrati

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Luisa Sclocchis

Diplomata in Oboe al Conserv. G.B. Martini di Bologna, consegue in seguito il Diploma Accademico di II Livello in Discipline Musicali, Oboe al Conserv. A. Boito di Parma. Presso l'Università degli Studi di Bologna, Facoltà di Lettere e Filosofia, si laurea in Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo indir. Musica. Frequenta un Master post laurea di Alta Professionalizzazione in Management degli Eventi dello Spettacolo, a Firenze. Dal 2010 insegna Organizzazione e Diritto e Legislazione dello Spettacolo Musicale presso il Conservatorio L. Canepa di Sassari. Dal 2011 è Presidente di Euterpe Iniziative Musicali. Ha collaborato con varie Istituzioni Musicali in Italia e non solo, tra cui: Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; Orchestra Mozart; Accademia Nazionale di Santa Cecilia; Cons. della Svizzera Italiana; Orchestra della Svizzera Italiana; Teatro Regio di Parma; Teatro Lirico di Cagliari; Festival MiTo SettembreMusica. Dal febbraio 2015 collabora con Il Corriere Musicale

Ci sono 2 commenti all'articolo

  1. Giovanni Bresciani

    In questa Aida rappresentata a Cagliari c’é una foto dove si vedeno un po’ di persone, probabilmente c’erano Amonastro e gli altri interpreti, il direttore con l’orchestra, il coro con il maestro, di cui nella recensione non si parla, perché…?

    1. Redazione

      Gentile Giovanni Bresciani, forse le è sfuggita una frase nell’ultimo paragrafo: «Nell’interpretazione di Coro e Orchestra del Lirico, guidati dalla bacchetta di Antonello Allemandi…» ecc.
      Cordialmente

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti