«Traviata» a Torino


Terzo appuntamento per la rassegna «The Best of Italian Opera» al Regio di Torino con l’opera che fa più opera


di Attilio Piovano foto © Ramella&Giannese


E DOPO BOHÈME E BARBIERE un altro best seller dell’opera di tutti i tempi, l’opera che fa più opera, Pretty Woman docet, vale a dire Traviata. A Torino, la sera dell’11 luglio per il cartellone di The Best of Italian Opera. Spettacolo già visto, regìa di Laurent Pelly nella co-produzione di Regio e Santa Fe Opera Festival. Fa piacere constatare che talora il lavoro dei critici non è del tutto ignorato e negletto se la curiosa e francamente incredibile scenografia del second’atto (rimandiamo ancora il lettore alla citata recensione) è stata totalmente rifatta, ancora a firma di Chantal Thomas, ora cubi che si aprono, con nuvolette azzurrine e squarci di cielo, un po’ naïf, ma in sintonia con gli elementi della restante scenografia prescelta. Restano le nostre personali perplessità sull’opportunità di aprire con il funerale sui cieli fumiganti di Parigi che, continuiamo a ripeterlo, corre il rischio di far torto all’intelligenza del pubblico (ancorché a taluni piaccia moltissimo); restano le perplessità circa il finale con Violetta lasciata sola a morire e i due Germont (padre e figlio) che con discrezione l’abbandonano: inspiegabile, e non vale il discorso che in tal modo tutta l’attenzione si concentra su di lei, un po’ di rispetto per le didascalie del libretto non guasta, anche se si tratta di un big come Pelly.

Traviata_1091[1]ok

Ciò detto, lo spettacolo regala momenti di notevole efficacia, ad esempio nel primo atto e ancora nella scena della festa a casa di Flora con validi movimenti delle masse ad assecondare le strepitose intuizioni drammaturgiche e musicali del sommo Verdi.

Desirée Rancatore (che al Regio fu tra l’altro una indimenticabile Olympia nei Contes d’Hoffmann e di recente applaudimmo al Carlo Felice in Lucia) è una Violetta a tutto tondo. Le sue indiscusse doti vocali le garantiscono applausi vivacissimi e vere e proprie ovazioni a scena aperta. un po’ eccessive, a nostro avviso, in presenza di qualche asprezza di troppo e certi cambi di registro non sempre gradevoli, ma è fatta così. Prendere o lasciare. Un po’ bidimensionale, questa vota l’Alfredo di Piero Pretti, lo avremmo voluto un po’ più animato, un po’ più a tinte forti, un po’ più imbevuto di «bollenti spiriti», ma tant’è. Così così Luca Salsi che pure ha riscosso anch’egli una pletora di applausi, quasi standing ovation. Talora poco udibile la Flora di Samantha Korbey. Apprezzati ancora una volta i ballerini Simona Tosco e Luca Martini nell’animata scena che evoca il carnevale che impazza, mentre Violetta è prossima alla fine. Ottimo il coro e in forma l’orchestra diretta da Francesco Ivan Ciampa che ha dipanato la partitura con correttezza, senza guizzi, ma nemmeno senza cadute. Puntando sull’efflorescenza dei momenti ludici, per così dire, e facendo emergere, per contro, i tratti intimisti con buona resa. Un vero trionfo di pubblico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Attilio Piovano

Attilio Piovano (Torino, 1958), musicologo e scrittore, ha pubblicato Invito all’ascolto di Ravel (Mursia 1995), i racconti musicali La stella amica (Daniela Piazza 2002) e Il segreto di Stravinskij (Riccadonna 2006), i romanzi L’Aprilia blu (Daniela Piazza 2003) e Sapeva di erica, di torba e di salmastro (rueBallu 2009, prefazione di Uto Ughi). In preparazione una nuova raccolta di racconti musicali. Laurea in Lettere, studi in Composizione, diploma in Pianoforte, in Musica corale e Direzione di Coro, è autore di contributi, specie sulla musica di primo Novecento, apparsi in volumi miscellanei, atti di convegni e su rivista. Saggista e conferenziere, ha collaborato con La Scala, la RAI, il Festival MiTo, lo Stresa Festival, La Fenice, l’Opera di Roma, il Teatro Lirico di Cagliari, l’Unione Musicale, il Teatro Regio, il Politecnico di Torino e con varie altre istituzioni. Corrispondente del «Corriere del Teatro», scrive per «Torinosette», magazine de «La Stampa», ha collaborato con «Amadeus», scrive inoltre per «La Voce del Popolo» (da 24 anni) ed esercita la critica su più testate. Docente di Storia ed Estetica della Musica (dal 1986, presso vari Conservatori), dal 1991 a tutt’oggi è titolare di tale disciplina presso il Conservatorio ‘G. Cantelli’ di Novara dove è inoltre incaricato dell’insegnamento di Musica sacra moderna e contemporanea (Analisi delle forme compositive) nell’ambito del Corso biennale di Diploma Accademico in Discipline Musicali (Musica sacra) attivato a partire dall’a.a. 2008/2009 in collaborazione con il Pontificio Ateneo di Musica Sacra in Roma. A partire dall'anno accademico 2012-2013 tiene un corso monografico su «Architettura, Scenografia e Musica» presso il Dipartimento di Architettura & Design del Politecnico di Torino (in collaborazione con Fondazione Teatro Regio: workshop specialistico destinato al Corso di Laurea Magistrale). È stato Direttore Artistico dell’Orchestra Filarmonica di Torino. Da 37 anni (dal 1976 a tutt’oggi) è organista presso la Cappella Esterna dell’Istituto Internazionale ‘Don Bosco’, Pontificia Università Salesiana (UPS), sezione di Torino. È citato nel «Dizionario di Musica Classica» a cura di Piero Mioli, BUR, Milano (2006), che gli dedica una ‘voce’ specifica (vol. II, p. 1414).

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti