Riccardo Chailly, inaugurata la stagione 2015-16 della Gewandhaus


A Lipsia la nuova stagione si è aperta nel segno di Strauss e Mozart. Il direttore italiano ha diretto la Gewandhausorchester, solista il clarinettista svedese Martin Fröst


di Corina Kolbe foto © Gerd Mothes


NELLA CITTÀ DI LIPSIA le testimonianze della sua lunga tradizione musicale si incontrano ad ogni passo. Lungo la Notenspur, l’itinerario delle note, si possono visitare, ad esempio, la Thomaskirche con la tomba del suo Kantor Johann Sebastian Bach, le case di Felix Mendelssohn e Robert Schumann, il monumento eretto in ricordo di Richard Wagner nonché il Teatro d’Opera e la nuova Gewandhaus aperta nel 1981, sede della più antica orchestra sinfonica della Germania che fu fondata dai cittadini. Riccardo Chailly, dal 2005 alla guida della Gewandhausorchester, è consapevole della ricca eredità da tramandare e mantenere in vita.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Corina Kolbe

Giornalista residente a Berlino, collabora a giornali e riviste in Germania, Svizzera e Italia. Scrive di musica classica, di Claudio Abbado e le sue orchestre, di progetti educational e dell'impatto dei nuovi media sulla cultura. Laureata in lettere e storia, ha lavorato per l'Agenzia ANSA, Agence France-Presse e Netzeitung.de. Da giornalista freelance scrive per Zeit online, 'Der Tagesspiegel', 'Das Orchester', 'Neue Musikzeitung', 'Berner Zeitung', 'Musik & Theater', 'Concerti', 'Il Giornale della Musica', 'Musica', e 'Il Corriere Musicale'

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti