Il senso della crisi nel “Titano” di Valčuha


A Verona la Prima sinfonia di Mahler e il Terzo concerto per pianoforte di Beethoven, solista Lise de la Salle con l’orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia


di Cesare Galla  foto © Studio Brenzoni


MAHLER NON AVEVA UNA GRANDE CONSIDERAZIONE DI PUCCINI, che posponeva a Mascagni e perfino a Leoncavallo. A parte l’ironica e urticante descrizione di Tosca in una celebre lettera alla moglie («al giorno d’oggi, qualsiasi dilettante sa orchestrare alla perfezione»), neanche La Bohème gli piaceva granché e come direttore dell’Opera di Vienna fu piuttosto “avaro” di spazio per l’operista italiano, del quale aveva peraltro diretto la prima tedesca delle Villi. Era accaduto ad Amburgo, dove in seguito aveva avuto occasione di concertare anche Manon Lescaut. Al contrario, Puccini nutriva notevole stima per Mahler, se non altro come direttore d’orchestra. E dunque, ascoltare come bis l’Intermezzo di Manon, dopo che la serata si è conclusa con la Prima Sinfonia di Mahler è a tutti gli effetti un confronto sapido e per certi aspetti illuminante.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 

[purchase_link id=”33176″ style=”button” color=”blue” text=”Acquista e scarica in pdf la singola recensione completa”]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Cesare Galla

Scrive di musica dall'età di 20 anni, quando ancora seguiva gli studi musicologici nelle università di Bologna e Venezia, dopo il liceo classico. A 25 è diventato giornalista professionista e ha lavorato al Giornale di Vicenza come redattore, caposervizio e vice caporedattore fino al dicembre del 2014.Si è occupato di cronaca nera e bianca, di politica, di web e mondo digitale e soprattutto di spettacoli e cultura, guidando fino al 2012 le pagine ad essi dedicate. Contemporaneamente, ha sempre svolto la critica musicale, dal 1996 anche sul quotidiano veronese L’Arena. Negli ultimi 40 anni ha recensito migliaia di concerti e centinaia di rappresentazioni operistiche e ha pubblicato alcuni libri (sulle Sinfonie di Beethoven, sulla storia della Società del Quartetto di Vicenza, sul festival Settimane Musicali al teatro Olimpico, sulle rappresentazioni verdiane nel Veneto, raccontate attraverso cinque lustri di recensioni). Oggi collabora da "cronista di musica" e osservatore del mondo della cultura con Il Corriere Musicale e con la testata veneta di informazione online Vvox. Il suo sito personale d'informazione, musicale ma non solo, è www.cesaregalla.it.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti