Antonio Pappano e Renaud Capuçon al Konzerthaus di Berlino


di Corina Kolbe foto © Thomas Bartilla


Prima che Antonio Pappano salisse sul podio, la Staatskapelle di Berlino ha voluto ricordare con gratitudine il suo Direttore Onorario Pierre Boulez, scomparso lo scorso 5 gennaio. Il celebre compositore, legato da lunga amicizia a Daniel Barenboim, diresse la sua orchestra per oltre venti anni. A Berlino non solo le composizioni di Boulez, ma anche le sue interpretazioni delle sinfonie di Gustav Mahler rimarranno indimenticate.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Corina Kolbe

Giornalista residente a Berlino, collabora a giornali e riviste in Germania, Svizzera e Italia. Scrive di musica classica, di Claudio Abbado e le sue orchestre, di progetti educational e dell'impatto dei nuovi media sulla cultura. Laureata in lettere e storia, ha lavorato per l'Agenzia ANSA, Agence France-Presse e Netzeitung.de. Da giornalista freelance scrive per Zeit online, 'Der Tagesspiegel', 'Das Orchester', 'Neue Musikzeitung', 'Berner Zeitung', 'Musik & Theater', 'Concerti', 'Il Giornale della Musica', 'Musica', e 'Il Corriere Musicale'

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti