2Cellos all’Arena di Verona


Unica data italiana per i due violoncellisti. Analisi di un fenomeno di costume. Inevitabile interrogarsi su quale sia la fascia di mercato che hanno colmato. Quale la domanda per cui forniscono una degna offerta?


di Luisa Sclocchis


La classica avvicina agli altri generi o gli altri generi avvicinano alla classica? Nel caso dei 2Cellos, duo di violoncellisti croati, Luka Šulić e Stjepan Hauser, dal singolare appeal, il quesito non trova la consueta risposta. Gli ordini appaiono sovvertiti. Se, nel caso di artisti come David Garrett, Igudesman&Joo o le Salut Salon (e il Quintetto Bislacco e Quartetto Inverso), l’intento evidente è quello di stregare il pubblico altro e catturarlo nel nome della classica, in questo caso l’operazione suscita qualche perplessità in più. Ad ospitarli, lo scorso 11 maggio, per l’unica data italiana, un’Arena di Verona da tutto esaurito. Nonostante il cielo plumbeo minacciasse pioggia, un pubblico variegato li ha accolti con grande entusiasmo. D’altronde, loro si ripropongono, non solo di erudire i giovani sul repertorio classico, ma di travolgere gli usuali ascoltatori di classica con le loro riletture rock. Sono ormai un incontestabile fenomeno di costume.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Luisa Sclocchis

Diplomata in Oboe al Conserv. G.B. Martini di Bologna, consegue in seguito il Diploma Accademico di II Livello in Discipline Musicali, Oboe al Conserv. A. Boito di Parma. Presso l'Università degli Studi di Bologna, Facoltà di Lettere e Filosofia, si laurea in Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo indir. Musica. Frequenta un Master post laurea di Alta Professionalizzazione in Management degli Eventi dello Spettacolo, a Firenze. Dal 2010 insegna Organizzazione e Diritto e Legislazione dello Spettacolo Musicale presso il Conservatorio L. Canepa di Sassari. Dal 2011 è Presidente di Euterpe Iniziative Musicali. Ha collaborato con varie Istituzioni Musicali in Italia e non solo, tra cui: Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; Orchestra Mozart; Accademia Nazionale di Santa Cecilia; Cons. della Svizzera Italiana; Orchestra della Svizzera Italiana; Teatro Regio di Parma; Teatro Lirico di Cagliari; Festival MiTo SettembreMusica. Dal febbraio 2015 collabora con Il Corriere Musicale

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti