György Ligeti Symposium 2017 a Helsinki


di Monika Prusak foto © Marcel Antonisse


SI È CONCLUSO il György Ligeti Symposium 2017, organizzato dall’Accademia Sibelius – University of the Arts Helsinki in collaborazione con il Festival Musica nova, nell’ultra moderno Centro Musicale Musiikkitalo della capitale finlandese, che ha visto tra i relatori studiosi ligetiani di tutto il mondo: Finlandia, Estonia, Turchia, Lettonia, Svezia, Grecia, Italia, Romania, Polonia, Austria, Belgio, Irlanda, Regno Unito, Giappone e Stati Uniti. Il simposio, accanto a tradizionali presentazioni di natura storico-analitica, ha ospitato due lezioni-concerto. La prima György Ligeti and organ music – traditional reformer or revolutionary discoverer? A discussion of Liget’s organ music and its influence on organ playing technique è stata un’indagine stilistica dedicata alla musica per organo volta a esplorare la natura della scrittura ligetiana per questo strumento, svolta attraverso la performance di alcune composizioni tra cui Volumina (1961-62), priva di riferimenti antichi, e Ricercare per Organo (1990), che si rifa, invece, allo stile di Frescobaldi.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Monika Prusak

Musicista e musicologa, docente di musica, attualmente dottoranda di ricerca in Storia e analisi delle culture musicali presso Sapienza - Università di Roma. Ha al suo attivo collaborazioni con Il Giornale della Musica, il Teatro Massimo di Palermo, MF Sicilia e l'Associazione De Musica di Varsavia.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti