György Ligeti Symposium 2017 a Helsinki


di Monika Prusak foto © Marcel Antonisse


SI È CONCLUSO il György Ligeti Symposium 2017, organizzato dall’Accademia Sibelius – University of the Arts Helsinki in collaborazione con il Festival Musica nova, nell’ultra moderno Centro Musicale Musiikkitalo della capitale finlandese, che ha visto tra i relatori studiosi ligetiani di tutto il mondo: Finlandia, Estonia, Turchia, Lettonia, Svezia, Grecia, Italia, Romania, Polonia, Austria, Belgio, Irlanda, Regno Unito, Giappone e Stati Uniti. Il simposio, accanto a tradizionali presentazioni di natura storico-analitica, ha ospitato due lezioni-concerto. La prima György Ligeti and organ music – traditional reformer or revolutionary discoverer? A discussion of Liget’s organ music and its influence on organ playing technique è stata un’indagine stilistica dedicata alla musica per organo volta a esplorare la natura della scrittura ligetiana per questo strumento, svolta attraverso la performance di alcune composizioni tra cui Volumina (1961-62), priva di riferimenti antichi, e Ricercare per Organo (1990), che si rifa, invece, allo stile di Frescobaldi.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Monika Prusak

Musicista e musicologa, dottoranda di ricerca in Storia e analisi delle culture musicali presso Sapienza – Università di Roma, docente. Ha al suo attivo collaborazioni con Il Giornale della Musica, il Teatro Massimo di Palermo, l’Opera Wroclawska, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Associazione De Musica di Varsavia e l’Istituto Polacco di Roma.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti