I puritani a Modena


di Ruben Vernazza foto © Guerzoni


Parigi, 1835. Prendi uno dei compositori più reputati del momento (Bellini), commissionagli una partitura per il teatro d’opera italiana di maggior rinomanza al mondo (il Théâtre Italien) e affidagli il miglior quartetto di cantanti che si possa desiderare (la Grisi, Rubini, Tamburini, Lablache). I puritani nasce così. Un’opera al cubo, per qualità compositiva, difficoltà esecutiva e fortuna critica. Un’opera che oggi i direttori artistici programmano con parsimonia: formare una troupe adeguata, infatti, è un compito tutt’altro che semplice.

Dopo aver riesumato con successo La Wally (da noi recensita poche settimane fa), l’agguerrita lega dei teatri lirici di Modena, Reggio Emilia e Piacenza gioca il carico da undici proponendo un allestimento tutto nuovo del capolavoro belliniano. A dimostrazione del fascino inesauribile che quest’opera esercita sugli appassionati, venerdì 16 marzo, serata d’esordio, il Comunale modenese registra il pienone.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Ruben Vernazza

È dottorando di ricerca in musicologia nell’Università degli studi di Milano e nell’Università François Rabelais di Tours. Ha scritto saggi per varie riviste scientifiche ed è autore di voci del Dizionario biografico degli italiani della Treccani. Collabora con l’Istituto nazionale di studi verdiani e ha insegnato nel Dipartimento di musicologia dell’Università di Tours. Si occupa prevalentemente di opera italiana dell’Ottocento.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti