Riccardo Muti e l’orchestra Cherubini a Torino


di Attilio Piovano foto © Pasquale Juzzolino


Un programma davvero ben impaginato, quello predisposto da Riccardo Muti, per la prima volta al Lingotto di Torino, alla guida della ‘sua’ creatura, l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini: in occasione del concerto di chiusura della stagione 2017-18 di Lingotto Musica, la sera dello scorso 30 maggio 2018. E dunque una prima parte dal taglio abbastanza inconsueto, quasi per intero dedicata agli operisti italiani di fine Ottocento primo Novecento Catalani, Mascagni, Leoncavallo, Puccini e Giordano, con una sequenza di Intermezzi sinfonici in buona parte di grande notorietà e per lo più di indicibile appeal accomunati da un medesimo milieu, un comune sentire: fatta salva beninteso l’autonomia linguistica e stilistica dei singoli autori. Sicché l’inserzione, in apparenza anomala, del martucciano Notturno op. 70 n. 1 che di fatto partecipa di quella medesima temperie, non solo non sfigurava affatto, bensì risultava del tutto coerente.

Apertura nel segno del raffinato ed estetizzante Alfredo Catalani del quale si è ascoltata Contemplazione, pagina sinfonica datata 1878 – una sorpresa per i più, ovvero una gradevole quanto inattesa rivelazione – contrassegnata da un melodismo caldo, effusivo e carezzevole come una brezza, non priva di un suo certo pathos, allusivo a certo decadentismo: Muti, ottimamente assecondato dall’Orchestra Cherubini, ne ha messo in luce l’eleganza sottile e il fascino innegabile, ancorché un poco frale. Poi ecco l’intensa cantabilità dell’assai noto Intermezzo  mascagnano (da Cavalleria rusticana)  che gli archi della Cherubini, dalla pasta brunita e densa, hanno restituito in tutta la sua immortale fragranza. Quanta eleganza e quanta raffinatezza melodica (come pure timbrica) si è sprigionata poi dal non meno intenso Intermezzo dai pressoché coevi Pagliacci di Leoncavallo: di cui Muti ha ben posto in evidenza l’esordio  tragico e affocato, come pure quegli apici dinamici che attingono al clima verista in cui l’opera dilaga. Nel contempo è parso a dir poco ammirevole il lavoro di cesello sui singoli dettagli, come pure è emersa al meglio la delicatezza incredibile di certi tratti informati ad un lirismo che rappresenta il contraltare spirituale dei tratti più carnali del cosiddetto ‘Verismo’, per l’appunto.

Il vero e proprio clou con il sublime Intermezzo dalla pucciniana Manon Lescaut: raramente è accaduto di ascoltarlo in tutto il suo nitore e la sua soavità melodico-timbrica. Non solo: Muti vi infonde una flessuosità e una souplesse davvero uniche, giocando con impercettibili ‘incalzando’ e dosando con millimetrica acribia le dinamiche, dall’esordio cameristico, giù giù sino alle ultime misure, sì da renderne irresistibile il vero e proprio climax destinato a culminare nel parossismo tragico ed emotivo che la pagina inevitabilmente innesca. Una vera e propria lezione di stile, in grado di far stagliare la superiorità di Puccini quanto a qualità dell’orchestrazione nel panorama dei suoi pur eccellenti e coetanei colleghi.  Non meno sorprendente la venustà melodica dell’Intermezzo dalla Fedora di Umberto Giordano, pagina che rivela a chiare lettere l’analoga matrice stilistico espressiva rispetto all’antecedente Intermezzo mascagnano del quale pare una sorta di pur valida e personale rivisitazione se non addirittura un vero e proprio calco stilistico. Quanto al già citato Notturno di Giuseppe Martucci, in bilico tra elegia e appassionata sensualità, partecipa tra «slanci ed abbandoni» – lo si anticipava più sopra – di quel medesimo clima espressivo e culturale cui appartengono gli altri autori in programma. Suo pregio innegabile, conciliare un certo gusto per la wagneriana melodia infinita e per il trascolorare delle armonie, tipicamente tardo-romantico, con un melodismo di matrice squisitamente italiana: che seduce e talora stordisce come quei profumi troppo intensi e inebrianti.

Tutta nel segno di Verdi la seconda parte della serata, dedicata ai Ballabili dall’Atto III dei Vespri Siciliani (o più propriamente le Vêpres Siciliennes) ovvero le Quattro Stagioni. Muti ha dedicato la massima cura alla partitura, lavorando di bulino e offrendo alle prime parti una ghiotta opportunità di primeggiare e porsi in mostra. Se non mancano passaggi di indubbia immediatezza, brillante e scherzosa arguzia come pure immagini timbriche che denotano da parte di Verdi innegabile cultura e conoscenza approfondita dell’universo sinfonico internazionale, per contro una certa ripetitività di ritmi e formule varie finisce per ingenerare una certa qual saturazione in una pagina che – a onor del vero – è anche la più lunga composizione sinfonica verdiana: inserita in partitura secondo le consuetudini richieste dall’opera francese. Muti ha saputo ben cogliere una certa qual dose di ironia insita nei quattro bozzetti, volti a delineare un vero e proprio spettacolo entro lo spettacolo. E allora ecco il descrittivismo lepido dell’Inverno, poi la soave fragranza della Primavera, quindi la spossata calura dell’Estate e, da ultimo, l’eccitazione sfavillante dell’Autunno. Gran bella prova per l’Orchestra Cherubini e davvero ammirevole l’incessante verve infusa da Muti, abile nel guidare i giovani interpreti attraverso gli insidiosi raccordi ritmici e – più ancora – attento a mitigare (absit iniuria verbis) quel quid di bandistico, nazional-popolare irrimediabilmente insito nei Ballabili medesimi.

Ben altro spessore possiede la superba Sinfonia dei Vespri siciliani dagli irresistibili scuotimenti tellurici, eseguita in chiusura. Indicibile la vis propulsiva e davvero vasto il range dinamico che Muti vi immette, restituendo alla pagina, conclusa da un trascinante Prestissimo, tutto il suo appeal. Vero e proprio trionfo per i giovani della Cherubini, applauditissimi in toto e più ancora quanto a ottime prime parti. Niente bis, ma una breve e pur intensa prolusione, a braccio, fuori programma, con la quale Muti ha sottolineato la necessità di dar spazio all’Italia vera, quella dei valori culturali troppo spesso mortificati. E la musica, si sa, può essere un ottimo veicolo di cultura nel mondo: quasi il simbolo di un’Italia che tuttora  custodisce alcuni tra i più preziosi scrigni  quanto a Bellezza ed Assoluto nell’arte. E il melodramma, da Verdi a Puccini ai veristi, è tra questi simboli, universali e inattaccabili, ad onta di mode effimere,  passeggere.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Attilio Piovano

Musicologo e scrittore, ha pubblicato (tra gli altri) Invito all’ascolto di Ravel (Mursia 1995, ristampa RCS 2018), i racconti musicali La stella amica (Daniela Piazza 2002), Il segreto di Stravinskij (Riccadonna 2006) e L’uomo del metrò (e-book interattivo per i tipi de ilcorrieremusicale.it 2016, prefazione di Gianandrea Noseda). Inoltre i romanzi L’Aprilia blu (Daniela Piazza 2003) e Sapeva di erica, di torba e di salmastro (rueBallu 2009, prefazione di Uto Ughi). Coautore di una monografia su Felice Quaranta (con Ennio e Patrizia Bassi, Centro Studi Piemontesi 1994), del volume Venti anni di Festival Organistico Internazionale (con Massimo Nosetti, 2003), curatore e coautore del volume La terza mano del pianista (Testo & Immagine 1997). Laurea in Lettere, studi in Composizione, diploma in Pianoforte, in Musica corale e Direzione di Coro, è autore di contributi, specie sulla musica di primo ‘900, apparsi in volumi miscellanei, atti di convegni e su rivista. Saggista e conferenziere, vanta collaborazioni con La Scala, Opéra Royal Liège, RAI, La Fenice, Opera di Roma, Lirico di Cagliari, Coccia di Novara, Carlo Felice di Genova, Stresa Festival, Orchestra Camerata Ducale ecc.; a Torino col Festival MiTo (già Settembre Musica, ininterrottamente dal 1984), Unione Musicale, Teatro Regio, Politecnico e con varie altre istituzioni. Già corrispondente del «Corriere del Teatro», ha esercitato la critica su più testate; dalla fondazione scrive per «ilcorrieremusicale.it»; ha scritto inoltre per «Torinosette», magazine de «La Stampa», ha collaborato con «Amadeus» e scrive (dal 1989) per «La Voce del Popolo» (dal 2016 divenuta «La Voce e il Tempo»); dal 2018 recensisce per «Il Corriere della Sera» (edizione di Torino). Membro di giuria in concorsi letterari nonché di musica da camera e solistici. Docente di Storia ed Estetica della Musica (dal 1986, presso vari Conservatori), dal 1991 a tutt’oggi è titolare di cattedra presso il Conservatorio “G. Cantelli” di Novara dove è inoltre incaricato dell’insegnamento di Storia della Musica sacra moderna e contemporanea nell’ambito del Corso biennale di Diploma Accademico in Discipline Musicali (Musica sacra) attivato dall’a.a. 2008/2009 in collaborazione col Pontificio Ateneo di Musica Sacra in Roma. Dal 1° gennaio 2018, cura inoltre l’Ufficio Stampa del Conservatorio “G. Cantelli”. Dal 2012 tiene corsi monografici sulla Storia del Melodramma (workshop su «Architettura, Scenografia e Musica» presso il Dipartimento di Architettura & Design del Politecnico di Torino, Corso di Laurea Magistrale, in collaborazione con Fondazione Teatro Regio). È stato Direttore Artistico dell’Orchestra Filarmonica di Torino. Dal 1976 a Torino è organista presso la Cappella Esterna dell’Istituto Internazionale ‘Don Bosco’, Pontificia Università Salesiana (UPS), dal 2017 anche presso la barocca chiesa di San Carlo, nella piazza omonima, e più di recente in Santa Teresa. Nell’autunno del 2018 in veste di organista ha partecipato ad una produzione del Requiem op. 48 di Fauré. È citato nel Dizionario di Musica Classica a cura di Piero Mioli, BUR, Milano © 2006, che gli dedica una ‘voce’ specifica (vol. II, p. 1414).

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti