Kavakos, solista e direttore a Torino affascina in Mozart


di Attilio Piovano foto © Pasquale Juzzolino


Doppio ‘ruolo’, a Torino, per Leonidas Kavakos, violinista e direttore, per il cartellone di Lingotto Musica, la sera di venerdì 5 aprile 2019 in perfetta simbiosi con  la Chamber Orchestra of Europe: orchestra di gran classe dal bel suono e dall’ottima coesione. Tutto orientato sull’abbinamento di Mozart e Beethoven il programma. E dunque in apertura ecco innanzitutto il Concerto K 216 dagli amabili profili. Dell’Allegro iniziale Kavakos coglie assai bene l’esprit umoristico e arguto, imprimendo una notevole scioltezza alla pagina, sia in veste di solista dalla tecnica solida e dal suono cristallino, sia guidando l’orchestra con mano sicura: mantenendo quel tono di levità che contrassegna  il brano e che non viene certo offuscato da un più severo, inatteso episodio, nel bel mezzo dell’Allegro stesso. Bene poi il carattere ‘galante’ impresso al garbato Adagio con gli archi ‘velati’ dalla sordina e il pizzicato dei bassi. Quindi via di slancio e molta scorrevolezza nel Finale. Assai apprezzata la capacità di Kavakos nel dare corpo e spessore anche a singoli dettagli, come pure nell’evidenziare quelle striature melanconiche che emergono in un episodio in minore già (moderatamente) proteso verso climi pre-romantici. Una lezione di stile.

Poi ancora Mozart, e si è trattato della  Sinfonia K 297 (300a) detta ‘parigina’ che Kavakos, potendo contare sulla Chamber in gran spolvero, ha diretto con trascinante entusiasmo, fin dall’attacco, mai apparso così aitante e ‘vettoriale’: e allora ecco subito sprigionarsi il colore giusto, altisonante, solenne e icastico al tempo stesso. Apprezzata l’orchestra in tutte le sue sezioni e per le sue valide prime parti (qualche disomogeneità appena avvertibile nei corni). Poi ecco il tono bonario, ovvero la bonomia à la manière de Haydn del successivo Andantino e da ultimo l’energetico Allegro conclusivo che Kavakos ha diretto senza risparmiarsi, infondendo una singolare brillantezza entro la compagine orchestrale dal folto organico. Apprezzate anche certe significative contrapposizioni dinamiche, peraltro sempre stilisticamente appropriate, verrebbe da dire ‘coerenti’ e finalizzate a porre in luce al meglio i caratteri già maturi di questa pur giovanilissima Sinfonia, presaga delle joie de vivre delle successive Nozze. E gli applausi, meritatamente, non sono mancati.

Perplessità ha invece destato, quanto meno in chi scrive, nella seconda parte della serata, un’Eroica francamente sopra le righe. Con un primo tempo contrassegnato da eccessi fonici vistosi ed anche un poco capziosi, come a voler ricercare l’effetto a tutti o costi. È pur vero che con le Sinfonie di Beethoven non si scherza e, soprattutto, ognuno ha talmente tanti e tali exempla sicché inevitabilmente viene da paragonare ogni nuova esecuzione con un ‘modello, tanto ideale quanto invero astratto. Ciò detto, la celeberrima Marcia funebre ha regalato sì qualche innegabile emozione, per il colore giusto, ovvero quella sua ‘opacità’ timbrica che ne costituisce uno dei motivi di maggior fascino; bene poi anche il fugato, anche se nel complesso è scivolata via un poco anodina. Sfolgorante (forse anche troppo) e non sempre del tutto in asse, l’immortale Scherzo. Quindi il Finale: l’averlo attaccato ad una velocità incredibile (quasi un Presto, ma in partitura è indicato solamente Allegro) ha in fondo vanificato un poco l’effetto del vero e proprio Presto conclusivo. Un po’ troppo ‘rumoroso’ il notissimo passo ‘turco’ e – ancora – svariati eccessi dinamici che hanno un poco destabilizzato. Ma in chiusura gli applausi sono ugualmente fioccati. E in questi casi non si sa mai bene se il pubblico applauda al capolavoro assoluto (l’Eroica è pur sempre tale) al direttore o all’orchestra. Forse ad tutti e tre, come è giusto. Per parte nostra – sia concesso ribadirlo – della serata conserveremo un gradito e incisivo ricordo sul côté mozartiano, seguito da una non memorabile Terza beethoveniana.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Attilio Piovano

Musicologo e scrittore, ha pubblicato (tra gli altri) Invito all’ascolto di Ravel (Mursia 1995, ristampa RCS 2018), i racconti musicali La stella amica (Daniela Piazza 2002), Il segreto di Stravinskij (Riccadonna 2006) e L’uomo del metrò (e-book interattivo per i tipi de ilcorrieremusicale.it 2016, prefazione di Gianandrea Noseda). Inoltre i romanzi L’Aprilia blu (Daniela Piazza 2003) e Sapeva di erica, di torba e di salmastro (rueBallu 2009, prefazione di Uto Ughi). Coautore di una monografia su Felice Quaranta (con Ennio e Patrizia Bassi, Centro Studi Piemontesi 1994), del volume Venti anni di Festival Organistico Internazionale (con Massimo Nosetti, 2003), curatore e coautore del volume La terza mano del pianista (Testo & Immagine 1997). Laurea in Lettere, studi in Composizione, diploma in Pianoforte, in Musica corale e Direzione di Coro, è autore di contributi, specie sulla musica di primo ‘900, apparsi in volumi miscellanei, atti di convegni e su rivista. Saggista e conferenziere, vanta collaborazioni con La Scala, Opéra Royal Liège, RAI, La Fenice, Opera di Roma, Lirico di Cagliari, Coccia di Novara, Carlo Felice di Genova, Stresa Festival, Orchestra Camerata Ducale ecc.; a Torino col Festival MiTo (già Settembre Musica, ininterrottamente dal 1984), Unione Musicale, Teatro Regio, Politecnico e con varie altre istituzioni. Già corrispondente del «Corriere del Teatro», ha esercitato la critica su più testate; dalla fondazione scrive per «ilcorrieremusicale.it»; ha scritto inoltre per «Torinosette», magazine de «La Stampa», ha collaborato con «Amadeus» e scrive (dal 1989) per «La Voce del Popolo» (dal 2016 divenuta «La Voce e il Tempo»); dal 2018 recensisce per «Il Corriere della Sera» (edizione di Torino). Membro di giuria in concorsi letterari nonché di musica da camera e solistici. Docente di Storia ed Estetica della Musica (dal 1986, presso vari Conservatori), dal 1991 a tutt’oggi è titolare di cattedra presso il Conservatorio “G. Cantelli” di Novara dove è inoltre incaricato dell’insegnamento di Storia della Musica sacra moderna e contemporanea nell’ambito del Corso biennale di Diploma Accademico in Discipline Musicali (Musica sacra) attivato dall’a.a. 2008/2009 in collaborazione col Pontificio Ateneo di Musica Sacra in Roma. Dal 1° gennaio 2018, cura inoltre l’Ufficio Stampa del Conservatorio “G. Cantelli”. Dal 2012 tiene corsi monografici sulla Storia del Melodramma (workshop su «Architettura, Scenografia e Musica» presso il Dipartimento di Architettura & Design del Politecnico di Torino, Corso di Laurea Magistrale, in collaborazione con Fondazione Teatro Regio). È stato Direttore Artistico dell’Orchestra Filarmonica di Torino. Dal 1976 a Torino è organista presso la Cappella Esterna dell’Istituto Internazionale ‘Don Bosco’, Pontificia Università Salesiana (UPS), dal 2017 anche presso la barocca chiesa di San Carlo, nella piazza omonima, e più di recente in Santa Teresa. Nell’autunno del 2018 in veste di organista ha partecipato ad una produzione del Requiem op. 48 di Fauré. È citato nel Dizionario di Musica Classica a cura di Piero Mioli, BUR, Milano © 2006, che gli dedica una ‘voce’ specifica (vol. II, p. 1414).

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti