Schӧnberg; Caiello, Pražák Quartet

Schoenberg_250276_500x500_mlIl sesto volume dell’opera cameristica di Schӧnberg curata da Praga Digitals, volge lo sguardo sul Pierrot Lunaire. Protagonisti di questa incisione, il soprano Alda Caiello e il Pražák Quartet ci propongono una lettura ispirata del capolavoro che ha sconvolto il mondo musicale dell’epoca. Primo grande esempio di applicazione della neonata tecnica dodecafonica, il Pierrot segna un passaggio fondamentale dell’estetica musicale, sia per quanto riguarda l’espressività strumentale, che per l’utilizzo della voce. Per la prima volta, infatti, viene codificato lo Sprechgesang, una tecnica vocale che prevede l’intonazione “sfuggita” della nota, producendo un suono che risulta intermedio tra il canto e il parlato. L’interpretazione di Alda Caiello ne mette in luce tutte le peculiarità, recitando le liriche di Giraud con teatralità grottesca e irriverente. L’approccio lirico è costantemente brutale, nello spirito di rottura con quella estetica postromantica che Schӧnberg, proprio col Pierrot, aveva definitivamente abbandonato.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Stefano Cascioli

Laureato in violino (109) e composizione (110 e lode) presso il Conservatorio di Udine, Stefano Cascioli inizia precocemente gli studi musicali partendo dal pianoforte, di cui attualmente frequenta il biennio specialistico a Trieste. Premiato in numerosi concorsi nazionali ed internazionali, sotto la guida di Luisa Scattarregia prima e Massimo Gon poi, ha partecipato a numerose masterclasses con i maestri Andrea Carcano, Massimo Gon, Aldo Ciccolini e Paul Badura-Skoda, inoltre ha seguito nel 2014 i corsi tenuti da Robert Levin presso il Mozarteum di Salisburgo. Per il violino, deve la sua formazione ai maestri Annalisa Clemente, Helfried Fister, Stefano Furini e a Diana Mustea, con cui si è laureato. Parallelamente, si è dedicato allo studio del violino barocco e della prassi esecutiva filologica, seguendo i corsi tenuti da Enrico Onofri, Elisa Citterio ed Enrico Gatti.

NEL DETTAGLIO


Titolo: Arnold Schӧnberg; Pierrot Lunaire op. 21, Suite op. 29
Compositore: Arnold Schӧnberg
Interpreti: Pražák Quartet; Alda Caiello
Anno di pubblicazione: 2026
Etichetta discografica: Praga Digitals
Note tecniche: DSD SuperAudio
Dove acquistare:

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti