Cristalli di tempo


PERLE DI VETRO

di Giovanni Albini


La notizia è fresca. E incuriosirà di certo i compositori, abili artigiani delle forme del tempo


Il 16 febbraio Science News: «Il vincitore del Premio Nobel per la fisica Frank Wilczek ha spiegato in due articoli la matematica sottesa al modello di un oggetto che, muovendosi al suo più basso livello energetico, potrebbe definire una sorta di struttura nel tempo. Un simile “cristallo di tempo” sarebbe l’equivalente temporale di un tradizionale cristallo, nel quale gli atomi occupano posizioni che si ripetono periodicamente nello spazio. […] “Non sappiamo se questi cristalli davvero esistano in natura, ma la sorpresa è che possono esistere”, dice Maulik Parikh, un fisico dell’Università dell’Arizona.»

Cristalli. Ripetizioni periodiche nel tempo. Alla mente vengono immediatamente i time-lapse di Koyaanisqatsi: documentario che quest’anno festeggia il suo trentennale, nel quale la musica composta da Philip Glass accompagna la proposta di video naturalistici, di paesaggi e della vita quotidiana, dilatando il tempo o velocizzando le immagini in modo da mettere in luce cicli e ritmi altrimenti invisibili. Ed è il nostro stesso pianeta ad offrirsi nel suo vorticoso ed incessante avvicendarsi periodico di fenomeni. Filmati che sembrano richiamare gli antichi princìpi della musica universalis, secondo cui l’universo stesso si regge su di un’armonia perfetta data dal moto eterno e ciclico dei corpi celesti. E infine le suggestioni sul tempo musicale di Jeanne Hersch, che sembrano richiamare la filosofia di Emanuele Severino: ogni cosa è eterna, e il tempo come noi lo conosciamo non ne esprime il divenire, ma piuttosto l’apparire. L’esperienza musicale vive allora nelle parole delle Hersch come un cristallo immobile ed imperturbabile che il tempo non può cancellare: «La musica suonata e ascoltata non potrà mai essere cancellata dal passato, qualunque cosa accada. Niente potrà cancellare questo fatto: la musica è stata suonata, voi l’avete ascoltata. Se un giorno la terra congelasse, oppure si riscaldasse eccessivamente, se gli uomini sparissero, anche allora, il tempo della musica vissuta si conserverebbe nel passato. Se sparisse, senza lasciare alcuna traccia, lo stesso tempo continuerebbe, misteriosamente, ad arricchire l’universo d’umanità.»

Ogni musicista, esperto crononauta, reagirà alla notizia di questi misteriosi cristalli con un pizzico di emozione, con estatiche fantasie. E trovo straordinarie le parole di Wilczek, sempre riportate da Science News: «Non so proprio se [questa scoperta] avrà un qualche valore, ma mi sto divertendo.» Mi sembra il primo passo necessario verso qualcosa di autenticamente bello.

Per chi volesse approfondire la matematica dei cristalli temporali si segnala la presenza online dei due articoli di Wilczek sull’argomento, pubblicati il 12 febbraio su arXiv L’estratto della Hersch è invece tratto dal piacevolissimo: Jeanne Hersch, Tempo e Musica, Baldini Castoldi Dalai, Milano 2009. La traduzione delle citazioni dall’articolo di Science News è dell’Autore.

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Giovanni Albini

(Pavia, 1982). Compositore, è professore di Teoria, Ritmica e Percezione Musicale presso il Conservatorio di Trento, nonché professore a contratto di Informatica Musicale, Didattica dell'Improvvisazione e Tecniche di Arrangiamento e Trascrizione presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali di Pavia e docente di Armonia nella Scuola Civica di Musica dello stesso istituto». È membro per la classe di Scienze fisiche, matematiche e naturali dell'Istituto di Studi Superiori dell'Insubria "Gerolamo Cardano". Si dedica inoltre alle colonne sonore: ha composto musica e lavorato al sound design di decine tra istallazioni artistiche, mostre, trailer, video commerciali e videogiochi. Si interessa principalmente del legame tra composizione e matematica, di colonne sonore interattive, dello sviluppo di software per la didattica musicale e di intelligenze artificiali musicali. Sue composizioni e trascrizioni sono state eseguite nei cinque continenti da interpreti tra i quali: l'Orchestra Sinfonica Nazionale Lituana (diretta da Robertas Servenikas), l'Orchestra Tito Schipa di Lecce (diretta da Salvatore Accardo e da Massimo Quarta), l'Orchestra Verdi di Milano (diretta da Matthieu Mantanus), l'Orquestra Clasica do Centro di Coimbra, il quartetto d'archi della BBC SSO e l'Algoritmo Ensemble (diretto da Marco Angius). L'etichetta discografica olandese Brilliant Classics ha pubblicato e distribuito due cd monografici contenenti suoi lavori "Giovanni Albini: Musica Ciclica" (2013) e "Giovanni Albini: Musica Sacra" (2014). Entrambi raccolgono lavori fondati sui suoi metodi compositivi di ispirazione matematica. A riguardo ha pubblicato e tenuto conferenze in varie istituzioni, tra le quali la Biennale di Venezia e l'università di Yale. Ha inoltre scritto per le pagine del mensile de Il Sole 24 Ore ed è il direttore artistico del centro internazionale di musica contemporanea highSCORE Music Center.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti