Il «Simon Boccanegra» di Plácido Domingo

Plácido Domingo | Foto Brescia/Amisano – Teatro alla Scala

Placido Domingo Foto Brescia/Amisano – Teatro alla Scala


Ripresa del titolo verdiano al Teatro alla Scala: co-produzione con la Staatsoper di Berlino. Direzione di Daniel Barenboim


di Luca Chierici


UN’ONDATA DI COMMOZIONE ha investito il pubblico del Teatro alla Scala l’altra sera al termine della ripresa del Simon Boccanegra di Verdi, spettacolo co-prodotto con la Staatsoper di Berlino che era stato già andato in scena nel 2010 con un cast leggermente diverso ma sempre sotto la guida di Daniel Barenboim e la partecipazione di Plácido Domingo nel ruolo principale. Il Simone è un’opera che riveste un significato del tutto particolare per la Scala, dove venne tenuto a battesimo e poi in cartellone per diversi anni uno spettacolo indimenticabile guidato dalla direzione di Claudio Abbado e la regìa di Giorgio Strehler e dove nel 1988 Georg Solti ne diresse una versione in forma di concerto rimasta memorabile. Ripensato da Verdi ventiquattro anni dopo la prima versione del 1857, lo stesso numero di anni che nella vicenda separano lo svolgersi degli avvenimenti nel Prologo e nell’Atto primo, il Simon Boccanegra diventa dunque una cronaca degli avvenimenti che segnano l’ascesa e la morte del protagonista e assieme una meditazione sulla trasformazione dei caratteri umani, sull’amore, l’impegno civile e politico, i cupi risvolti della fama e del successo, l’invidia.

Il ruolo di Simone è uno dei più difficili in assoluto del teatro verdiano e in questo si comprende perfettamente come Plácido Domingo abbia voluto misurarsi con esso alla fine di una gloriosa carriera di tenore, quando il cambio di registro è diventato un intelligentissimo espediente per proseguire da par suo un così intelligente studio dei caratteri più famosi che per ovvi motivi egli non aveva potuto affrontare in precedenza. Da questo punto di vista sarebbe vano giudicare Domingo con lo stesso metro utilizzato per un grande baritono in carriera. In questo caso vale la pena di concentrarsi più su quello che un personaggio simile ci può dare in termini di insight del ruolo, piuttosto che accanirsi su altre argomentazioni tecniche. Domingo aveva come partner cantanti di buon livello, primo tra tutti Fabio Sartori, già Gabriele Adorno nel 2010, un cantante che incarna perfettamente la tipologia del tenore verdiano “classico” nella scia dei Bergonzi e dei Pavarotti. Anche in questo caso, non è necessario avanzare dei confronti puntuali, dei paragoni insostenibili, quanto notare qual è il modello di riferimento: la voce e l’interpretazione di Sartori sono modellate sul passato e come tale vanno considerate.

Orlin Anastassov, a parte qualche menda vocale, ricorda a tratti la nobiltà del Fiesco di Ghiaurov; Artur Rucinski si è segnalato nel non facile ruolo di Paolo Albiani  e Tatiana Serjan è stata una Amelia incantevole. Daniel Barenboim ha riletto la musica verdiana con grande partecipazione e sapienza, contribuendo a condurre la serata verso il traguardo del successo finale. Vorremmo ascoltare da lui al pianoforte la grande reminiscenza lisztiana sul Simone, nella quale saprebbe dire cose egregie, soprattutto nel sublime finale. La regìa di Federico Tiezzi ha mantenuto un suo certo fascino nei momenti più poetici, mentre le scene di Paolo Bisleri ci sono sembrate ancora più deboli e incongruenti di quanto ci erano apparse quattro anni orsono.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Luca Chierici

Luca Chierici, nato a Milano nel 1954, dopo la maturità classica e gli studi di pianoforte e teoria si è laureato in Fisica. Critico musicale per Radio Popolare dal 1978 e per Il Corriere Musicale dal 2012, collabora alla rivista Classic Voice dal 1999 come esperto di musica pianistica. È autore di numerosi articoli di critica discografica e musicale, di storia della musica e musicologia, programmi di sala e note di lp e cd per importanti istituzioni teatrali e concertistiche e case discografiche. Ha collaborato per molti anni alle riviste Musica, Amadeus, Piano Time, Opera, Sipario. Ha condotto Il terzo anello per Radiotre e ha implementato il data base musicale per Radio Classica. Ha pubblicato per Skira i volumi dedicati a Beethoven, Chopin e Ravel nella collana di Storia della Musica. Ha curato numerose voci per la Guida alla musica sinfonica edita da Zecchini e ha tenuto diversi cicli di lezioni di Storia della musica presso i licei milanesi. Nell'anno accademico 2016-2017 ha tenuto un ciclo di seminari di storia dell'interpretazione pianistica presso il Conservatorio di Novara (ciclo che è stato replicato per l'anno 2017-2018 al Conservatorio di Piacenza). Appassionato di tecnologia, ha formato nel corso degli anni una biblioteca digitale di oltre 110.000 spartiti e una collezione di oltre 70000 registrazioni live. Nel 2007-2008 ha contribuito in qualità di consulente al progetto di digitalizzazione degli spartiti della Biblioteca del Conservatorio di Milano. Dal 2006 collabora alla popolazione del database della Petrucci Library (www.imslp.org).Dal 2014 è membro della Associazione nazionale Critici musicali.

C'è un commento all'articolo

  1. Salvatore Condipodaro Marrchetta

    Purtroppo oggi con gli appositi appogi pecuniari si puo comprare quasi tutto,sottolineo quasi,infatti grazie a dio ogni tanto poi c’è qualcuno che nomina le cose come esse si presentano.Peccato che la prestazione della Kathia Buniatishvili non sia stato commentato anche da altri critici con la dovuta distanza.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti