Tutti i post di Attilio Piovano

L'autore: Attilio Piovano

Attilio Piovano (Torino, 1958), musicologo e scrittore, ha pubblicato Invito all’ascolto di Ravel (Mursia 1995), i racconti musicali La stella amica (Daniela Piazza 2002) e Il segreto di Stravinskij (Riccadonna 2006), i romanzi L’Aprilia blu (Daniela Piazza 2003) e Sapeva di erica, di torba e di salmastro (rueBallu 2009, prefazione di Uto Ughi). In preparazione una nuova raccolta di racconti musicali. Laurea in Lettere, studi in Composizione, diploma in Pianoforte, in Musica corale e Direzione di Coro, è autore di contributi, specie sulla musica di primo Novecento, apparsi in volumi miscellanei, atti di convegni e su rivista. Saggista e conferenziere, ha collaborato con La Scala, la RAI, il Festival MiTo, lo Stresa Festival, La Fenice, l’Opera di Roma, il Teatro Lirico di Cagliari, l’Unione Musicale, il Teatro Regio, il Politecnico di Torino e con varie altre istituzioni. Corrispondente del «Corriere del Teatro», scrive per «Torinosette», magazine de «La Stampa», ha collaborato con «Amadeus», scrive inoltre per «La Voce del Popolo» (da 24 anni) ed esercita la critica su più testate. Docente di Storia ed Estetica della Musica (dal 1986, presso vari Conservatori), dal 1991 a tutt’oggi è titolare di tale disciplina presso il Conservatorio ‘G. Cantelli’ di Novara dove è inoltre incaricato dell’insegnamento di Musica sacra moderna e contemporanea (Analisi delle forme compositive) nell’ambito del Corso biennale di Diploma Accademico in Discipline Musicali (Musica sacra) attivato a partire dall’a.a. 2008/2009 in collaborazione con il Pontificio Ateneo di Musica Sacra in Roma. A partire dall'anno accademico 2012-2013 tiene un corso monografico su «Architettura, Scenografia e Musica» presso il Dipartimento di Architettura & Design del Politecnico di Torino (in collaborazione con Fondazione Teatro Regio: workshop specialistico destinato al Corso di Laurea Magistrale). È stato Direttore Artistico dell’Orchestra Filarmonica di Torino. Da 37 anni (dal 1976 a tutt’oggi) è organista presso la Cappella Esterna dell’Istituto Internazionale ‘Don Bosco’, Pontificia Università Salesiana (UPS), sezione di Torino. È citato nel «Dizionario di Musica Classica» a cura di Piero Mioli, BUR, Milano (2006), che gli dedica una ‘voce’ specifica (vol. II, p. 1414).

Il Flauto Magico al Regio di Torino

Il Flauto Magico al Regio di Torino

Penultimo titolo in cartellone, per la stagione del Teatro Regio di Torino: in attesa del conclusivo Macbeth. E si tratta del Flauto magico, inossidabile capolavoro che per il pubblico è sempre un piacere rivedere e riascoltare. Se poi – come in questo caso – lo spettacolo è di buona qualità, obiettivamente gradevole, coerente, equilibrato e senza inutili stramberie, il successo pare garantito. Non a caso, a fine serata, lo scorso martedì 16 maggio 2017, una sala gremitissima lo ha lungamente…

Daniil Trifonov e Michail Pletnëv interpreti di Chopin a Torino

Daniil Trifonov e Michail Pletnëv interpreti di Chopin a Torino

Già l’esecuzione di entrambi i pianistici Concerti di Chopin in una stessa serata di per sé è evento raro; se a proporli poi, assecondato da una compagine del livello della Mahler Chamber Orchestra, c’è un pianista del calibro di Daniil Trifonov – tecnica infallibile e tanta sensibilità, di quei musicisti che non privilegiano l’aspetto esteriore e regalano emozioni incredibili – le premesse per un vero trionfo di pubblico ci sono tutte. Se sul podio sale un direttore e pianista egli stesso quale

L’incoronazione di Dario a Torino, kermesse vivaldiana

L’incoronazione di Dario a Torino, kermesse vivaldiana

Grande e significativo afflusso di pubblico a Torino per il «Festival Vivaldi» (5-23 aprile 2017) promosso dalla città medesima (con un ricco cartellone di opera, concerti, cinema, mostre, incontri e varie manifestazioni collaterali). Capofila il Teatro Regio e la direzione artistica di Gastón Fournier-Facio che ha fortemente voluto il Festival, ideandolo e coordinandolo; e proprio al Regio, la sera di giovedì 13 aprile 2017, è andata in scena L’incoronazione di Dario, il vero clou dell’intera

Akademie für Alte Musik Berlin a Torino

Akademie für Alte Musik Berlin a Torino

È DI GRAN LUNGA il coro il protagonista assoluto della bachiana Messa in si minore che a Torino – la sera di lunedì 3 aprile 2017, presso l’Auditorium ‘Agnelli’, per la stagione di Lingotto Musica – ha potuto beneficiare di un’interpretazione di altissimo livello: grazie alla superlativa performance dell’Akademie für Alte Musik Berlin magistralmente diretta da Martin Lehmann, abile nel vivificare ogni singola battuta coi giusti fraseggi, imprimendo laddove occorre quella scioltezza propulsiva e

Noseda dirige Manon Lescaut al Regio di Torino

Noseda dirige Manon Lescaut al Regio di Torino

È sicuramente dal toccante (e a dir poco sublime) Intermezzo anteposto al terz’atto che occorre esordire per valutare correttamente la Manon Lescaut diretta al Regio di Torino da Gianandrea Noseda (al suo debutto in tal senso) a partire dallo scorso 14 marzo 2017 (per un totale di otto recite): una lettura per così dire intimista – quella dell’Intermezzo – struggente riverbero dell’infelice amore dei protagonisti reso con geniale intuito dall’empito melodico degli archi, impreziosito dalle arpe

Junge Deutsche Philharmonie diretta da Jonathan Nott a Torino

Junge Deutsche Philharmonie diretta da Jonathan Nott a Torino

Formazione di gran classe, quella della Junge Deutsche Philharmonie, approdata a Torino la sera di mercoledì 8 marzo 2017, per la stagione di Lingotto Musica: un centinaio di orchestrali di età compresa tra i diciotto e i ventotto anni che, sotto la guida esperta e la bacchetta precisa di Jonathan Nott, suonano con indicibile freschezza, entusiasmo e una professionalità che è raro trovare in analoghe formazioni giovanili (e a dire il vero può reggere agevolmente il confronto anche con ben più..

Gidon Kremer e la Kremerata Baltica sorprendono ancora una volta

Gidon Kremer e la Kremerata Baltica sorprendono ancora una volta

Non finiscono mai di sorprendere, Gidon Kremer e la ‘sua’ creatura: la Kremerata Baltica, complesso strumentale di altissimo livello e – soprattutto – di singolare versatilità, applaudito in tutto il mondo. Sono approdati a Torino, per I concerti di Lingotto Musica, la sera di martedì 21 febbraio 2017, offrendo il programma che stanno portando in tournée: programma davvero inconsueto, confezionato secondo precisi ed anti convenzionali criteri, soprattutto, volto a festeggiare, in modo atipico,

Kát’a Kabanová di Janáček a Torino, raffinata regìa di Carsen

Kát’a Kabanová di Janáček a Torino, raffinata regìa di Carsen

La stagione del Regio di Torino prosegue felicemente con una serie di notevoli e meritati successi. Dopo la produzione di Sansone e Dalila (con Daniela Barcellona e il grande Gregory Kunde) ottimamente diretto dallo scrupoloso Pinchas Steinberg e con la ‘cinematografica’ regia di Hugo de Ana e dopo l’approdo nel capoluogo subalpino del musical West Side Story, più di recente il Regio ha registrato vivaci consensi con una nuova produzione di Pagliacci per la regìa di Gabriele Lavia che ha ambient

Al Regio di Torino la Filarmonica diretta da Yutaka Sado

Al Regio di Torino la Filarmonica diretta da Yutaka Sado

Un concerto volto a celebrare il cinquecentesimo della Confessione Augustana, o più propriamente della Riforma protestante, non poteva che aprirsi nel segno del sommo Bach, il Kantor lipsiense, il luterano per antonomasia: il musicista la cui produzione sarebbe del tutto incomprensibile se per assurdo si prescindesse, ovvero si astraesse capziosamente dalla sua fede, anche laddove non si tratti di lavori sacri in senso stretto. Ecco dunque che ad inaugurare la serata, lunedì 6 febbraio 2017, al

Herreweghe e l’Orchestre des Champs-Élysées al Lingotto di Torino

Herreweghe e l’Orchestre des Champs-Élysées al Lingotto di Torino

L’Orchestre des Champs-Élysées è un’eccellente formazione dalle ottime prime parti impegnate su strumenti originali e Philippe Herreweghe – lo sanno bene gli audiofili e gli appassionati – è direttore di forte caratura e raffinata sensibilità che solamente le stereotipe convenzioni di certo giornalismo superficiale hanno etichettato come ‘barocchista’: esperto sì di esecuzioni cosiddette filologiche, ma condotte sempre – come occorre – con intelligenza, eleganza e grande equilibrio. Sicché……

Daniele Gatti e la Royal Concertgebouw Orchestra per l’inaugurazione di Lingotto Musica

Daniele Gatti e la Royal Concertgebouw Orchestra per l’inaugurazione di Lingotto Musica

Toccanti le parole di Francesca Camerana, direttore artistico di Lingotto Musica, la sera di martedì 25 ottobre 2016, in occasione dell’apertura di stagione: con la voce incrinata dalla commozione e con comprensibile orgoglio, ha dichiarato infatti di essere riuscita a realizzare un sogno, ovvero «far suonare i borsisti della De Sono [sua ultra decennale ‘creatura’, oltre ai Concerti del Lingotto n.d.r.] sotto la direzione di Daniele Gatti», grazie al progetto Side by Side che prevede appunto…

Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai nel segno di Mahler e Schubert

Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai nel segno di Mahler e Schubert

Apertura di stagione a dir poco trionfale, per l’Orchestra Sinfonica Nazionale Rai, a Torino, la sera di giovedì 20 ottobre 2016, come ha di certo potuto constatare chi ha seguito la diretta televisiva su Rai 5, ovvero il collegamento radiofonico su Radio 3 (per “Radio 3 Suite”). Analogamente, successo pieno anche la sera di venerdì 21, in occasione della consueta replica (abbonamento turno rosso); il pubblico a fine serata ha accolto con convinti e protratti applausi un’interpretazione . . . .

Carismatico Toquinho

Carismatico Toquinho

Chiusura di Festival piuttosto inconsueta e, a quanto pare, graditissima, per MiTo 2016: di solito la grande kermesse settembrina si concludeva con un’importante orchestra e invece quest’anno ecco che al Lingotto un pubblico festante e in parte nuovo affollava la sala, la sera dello scorso 21 settembre, per assistere al recital di Toquinho, affiancato da un pool cameristico di eccezionali musicisti, prima fra tutti la straordinaria violoncellista Ophélie Gaillard alla quale l’ensemble stesso…

Barbara Hannigan, soprano sul podio

Barbara Hannigan, soprano sul podio

Non accade certo tutti i giorni che un soprano dalla voce incantevole e dalla tecnica strepitosa decida di mettersi in gioco anche in veste di direttore d’orchestra. Barbara Hannigan affronta questo duplice ruolo da tempo e i risultati sono eccellenti. MiTo è anche questo, programmi innovativi e per certi versi fuori dagli schemi, serate-spettacolo di sicuro appeal e altro ancora. E così ecco che la sera dello scorso 3 settembre, al Lingotto di Torino, il soprano canadese ha offerto un . . .

Ravel e Stravinskij con le sorelle Labèque a Stresa

Ravel e Stravinskij con le sorelle Labèque a Stresa

Insolita apertura, per lo Stresa Festival 2016, la sera del 23 agosto al Palazzo dei Congressi: non già una grande orchestra, loro due, sole, sul palco, alla tastiera degli Steinway grancoda d’ordinanza. Le mitiche sorelle Katia e Marielle Labèque, bianconere vestite, l’una il negativo dell’altra, beninteso, sono peraltro una garanzia assoluta; e allora, come sempre, pubblico delle grandi occasioni e sala gremita dal consueto, raffinato pubblico (molti gli affezionati stranieri) che da. . .

La grande musica a Torino in piazza San Carlo (e non solo)

La grande musica a Torino in piazza San Carlo (e non solo)

UN BEL COLPO D’OCCHIO DAVVERO, a Torino le coreografiche quinte barocche di piazza San Carlo gremita di pubblico. Oltre 120 mila presenze, avvertono gli organizzatori, per il Festival di Musica Classica (edizione 2016) promosso dalla città. Dopo il successo di Butterfly, dal 13 al 17 sono state altre cinque sere di emozioni per un pubblico tanto vasto quanto composito e variegato, più attento, partecipe ed entusiasta. E questo non può che far bene alla musica ed alla città.

«Butterfly» ha inaugurato il Festival di Musica Classica di Torino

«Butterfly» ha inaugurato il Festival di Musica Classica di Torino

L’opera lirica un genere in crisi? Tutt’altro, e le prove per confutare tale affermazione non mancano certo. A Torino, la sera di martedì 12 luglio, una folla strabocchevole affollava la vasta piazza San Carlo, per l’inaugurazione dell’edizione 2016 del Torino Classical Music Festival. Sul palco Orchestra e Coro del Regio e in programma un allestimento semi-scenico della pucciniana Madama Butterfly che ha stregato un pubblico davvero trasversale, dunque lo zoccolo duro dei melomani incalliti..