di Redazione

Franziska Pietsch, cd AuditeUn violino che canta dello spirito di rinascita. La rinascita culturale norvegese che caratterizzò il periodo a cavallo tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Quella che, toccando varie forme d’arte, fu d’ispirazione per il compositore Edvard Grieg ma anche per artisti del calibro di Edvard Munch e Henrik Ibsen. Un violino che canta delle terre di Norvegia e di quelle della Scozia. Che canta di colori intensi della natura, di verdi vallate, di cascate e lande intervallate da laghi, del folklore e della tradizione di un popolo. Queste le suggestioni che ammaliano e trasportano all’ascolto delle Sonate per violino di Edvard Grieg. L’ultimo lavoro discografico della violinista tedesca Franziska Pietsch, in duo con il pianista Detlev Eisinger per l’etichetta Audite, è dedicato alle sue tre Sonate per violino e pianoforte: la numero due in Sol maggiore op. 13, numero uno in Fa maggiore op. 8 e la numero tre in do minore op. 45.

[restrict paid=true]

Attribuite alla più significativa fase creativa dell’autore costituiscono la metà dell’intera sua produzione cameristica, che conta oltre a queste due Quartetti per archi (di cui uno incompiuto) e una Sonata per violoncello e pianoforte. A caratterizzarne la struttura stilistica, un felice connubio di melodie e schemi ritmici dal carattere marcatamente popolare e rimandi ad armonie di spiccato gusto romantico. Fin dalle prime battute si viene sovrastati dalla sonorità cristallina e centrata del violino così come dalla spiccata espressività del suo canto, talvolta accorato e struggente. L’atmosfera sognante, la lucentezza del suono, la sua effervescenza che lascia talvolta spazio ad attimi di delicata esitazione: questo ciò che scaturisce dalla riscoperta di queste preziose pagine. Piglio energico e carattere giocoso del violino, un Carlo Antonio Testore del 1751, si alternano ad attimi di intima e raccolta riflessione, in un continuo gioco delle parti oscillante tra pianissimo mozzafiato e vibranti crescendo. Il sapiente controllo tecnico e le svariate gamme di colore danno luogo ad un’interpretazione ponderata ma nel contempo travolgente e passionale. Il duo, costituitosi nel 2012, procede nelle tre sonate in un intenso dialogo all’insegna della più profonda comunione di intenti. Il pianoforte si rivela interlocutore capace di seguire e assecondare, senza mai sovrastare o imporsi, ed evidenzia una lettura caratterizzata dalla particolare e comune sensibilità esecutiva.

[/restrict]

Pubblicato il 2015-11-05 Scritto da LuisaSclocchis

Related Posts

Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Follow Us

Business

No Content Available

Entertainment

Ben ritornato!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.