Tutti i post di Redazione

Dedicata alla Dante sonata di Liszt la nuova pubblicazione del Corriere Musicale

Dedicata alla Dante sonata di Liszt la nuova pubblicazione del Corriere Musicale

«Questa meravigliosa e rivoluzionaria composizione ha una storia e una gestazione complicate, scarsamente conosciute alla legione di pianisti (in particolare le giovani leve) che spesso considerano l’opera come il proprio cheval de bataille, e la eseguono senza dedicare un pensiero né ai suoi antecedenti letterari né all’accuratezza dei testi musicali dai quali preparano le loro performance. Come mostra Ida Zicari nella sua approfondita monografia e necessitiamo di fare molto di più che…….

Nel segno di Purcell con la ‘Stefano Tempia’ a Torino

Nel segno di Purcell con la ‘Stefano Tempia’ a Torino

Felice inaugurazione di stagione, in Conservatorio a Torino, la sera di lunedì 13 novembre 2017, per il cartellone 2017-18 dell’Accademia Corale ‘Stefano Tempia’: in assoluto la più longeva (o più propriamente la più precoce) delle associazioni musicali torinesi, essendo stata fondata nel lontano 1875, nonché la più antica accademia corale d’Italia. Fedele alla propria vocazione, la Tempia ha aperto nel segno del repertorio corale barocco. E dunque serata per intero dedicata al sommo Henry……

Addio a Mario Bortolotto (1927-2017)

Addio a Mario Bortolotto (1927-2017)

È morto oggi a 90 anni il critico musicale Mario Bortolotto, figura di suprema eccellenza nella critica musicale italiana ed internazionale. Nato a Pordenone nel 1927, laureato in medicina, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio di Venezia, laureandosi anche in Lettere e Filosofia. Saggista, critico, musicologo, storico della musica e traduttore in particolare di E. M. Cioran (Confessioni e anatemi), T. W. Adorno e Karlheinz Stockhausen che conobbe durante l’epoca di Darmsdtat.

Contemporarities 2016 a Milano

Contemporarities 2016 a Milano

Si inaugura alle 19 di oggi a Milano con una conferenza sull’Histoire du soldat di Igor’ Stravinskij un nuovo appuntamento dedicato alla musica classica e contemporanea, del quale il Corriere Musicale è partner mediatico: Contemporarities, festival ideato dai musicisti Sebastiano De Gennaro ed Enrico Gabrielli in collaborazione con Santeria Social Club. Ben otto appuntamenti fra concerti e guide all’ascolto, distribuiti fra il 17 novembre e l’11 dicembre, con la partecipazione di musicologi….

La Deutsche Oper Berlin e «Les Huguenots» di Giacomo Meyerbeer

La Deutsche Oper Berlin e «Les Huguenots» di Giacomo Meyerbeer

A Berlino la Deutsche Oper dedica un ciclo a Meyerbeer per cercare di sanare l’ingiusto vuoto che circonda la sua figura. L’intento è quello di (ri)portare alla luce le opere più celebri del compositore tedesco, che in patria raccolse sempre poco successo ma alla cui patria egli invece rimarrà sempre profondamente legato, tanto da volere essere sepolto a Berlino, nel cimitero del ricco quartiere di Prenzlauer Berg.

«Zoroastro. Io, Giacomo Casanova» a Rimini

«Zoroastro. Io, Giacomo Casanova» a Rimini

Facente parte delle iniziative dedicate a Federico Fellini per il quarantesimo del suo film Il Casanova (e il 23° anniversario della scomparsa del regista) Zoroastre – Io Casanova è basato sulla tragédie lyrique di Louis de Cahusac e Jean-Philippe Rameau nella traduzione italiana e testi di Giacomo Casanova. È stato girato nel 2015 all’interno degli spazi del Teatro Galli di Rimini. Si tratta di una prima esecuzione in tempi moderni di una sequenza di pagine tratte dall’opera affidata a Galatea

La «Bohème» di Ollé-Noseda al Regio di Torino

La «Bohème» di Ollé-Noseda al Regio di Torino

Carlo D’Ormeville: un nome che ai più oggi non dice un bel nulla. Il tizio – in realtà drammaturgo, critico e gazzettiere – è passato alla storia per l’enorme, incredibile gaffe, più ancora, per il madornale abbaglio dopo la première torinese della Bohème la sera del 1° febbraio 1896. Telegrafò infatti al giornale quest’unica, lapidaria stroncatura: «Opera mancata, non farà giro». Figurarsi! Ora, a 120 anni da quella storica prima, al Regio di Torino, per l’apertura della stagione 2016-17 . . .

“IDEA” e migrazioni: i quarant’anni del Divertimento Ensemble

“IDEA” e migrazioni: i quarant’anni del Divertimento Ensemble

Divertimento Ensemble si prepara a festeggiare i suoi primi quarant’anni e progetta di affondare le sue radici nella realtà contemporanea, non solo musicale. Martedì 17 maggio Sandro Gorli ha svelato l’indirizzo che l’ensemble milanese ha deciso di intraprendere in occasione del traguardo che taglierà con la prossima stagione di Rondò. Il 2017 inaugurerà infatti una nuova rotta, che vedrà inserire all’interno della stagione del Divertimento Ensemble tematiche sociali