Tutti i post di Anita Pesce

L'autore: Anita Pesce

Napoletana, è diplomata in pianoforte e laureata in Etnomusicologia. Freelance. Si occupa di produzione discografica antica e di fonti sonore documentarie, soprattutto riguardo alla produzione napoletana. In questa direzione fa una costante opera di divulgazione, sia attraverso pubblicazioni (Napoli a 78 giri, Avagliano, 1999; La scena ‘dal vero’ per disco, Quaderni dell’IRTeM, 2005; La Sirena nel solco, Guida, 2005) e saggi (Letteratura fonografica in Musicus Discologus II, ETS, 2007; La canzone napoletana e il disco a 78 giri, in Studi sulla canzone napoletana classica, LIM 2008; Napoli e il disco, in Enciclopedia della canzone napoletana, vol. III, Magmata 2008; curatela con Enrico Careri degli atti del convegno La canzone napoletana, Le musiche e i loro contesti, LIM, 2011), sia attraverso lezioni e conferenze. Ha inoltre partecipato, proponendo tali temi, a numerosi convegni nazionali e internazionali (tra cui Bologna, Quinto colloquio di musicologia de Il Saggiatore, 2001; Roma, convegni dell’IRTeM negli anni 2002, 2003, 2004, 2007, 2008 – di quest’ultimo, L’antichità greco-romana nell’opera lirica italiana dell’Ottocento, ha curato, con Carlo Marinelli, la direzione scientifica; Napoli, Congresso IAML 2008; Napoli, direzione scientifica con Enrico Careri: La canzone napoletana, Le musiche e i loro contesti, 2010; Napoli, coordinamento scientifico, con Marialuisa Stazio, Enrico Careri, Lello Savonardo: La canzone napoletana. Il lavoro sulla memoria, 2011; Napoli, coordinamento scientifico, con Marialuisa Stazio, Lello Savonardo: La canzone napoletana. La memoria al lavoro, 2012). Ha fondato nel 2011, con Marialusia Stazio, un Gruppo di Studio sulla Canzone Napoletana, che ha al suo attivo già due convegni. Ha pubblicato testi di educazione musicale per la scuola media (Musica? Musica!, L’albero dei suoni, Il metro musichevole, tutti con Loffredo Editore, Napoli) e da anni cura l’ideazione e la proposta di lezioni-concerto, anche in veste di pianista accompagnatrice. Ha tenuto corsi di formazione (SIS) per docenti (Etnomusicologia e Registrazione e riproduzione sonora). Ha collaborato, per le ricerche storico-musicali, allo spettacolo di Maurizio Scaparro Il sogno dei Mille (2011)