Solo Belcanto

Comparato

Marina Comparato


Nel cuore della Toscana un piccolissimo teatro ospita la prima edizione di una rassegna dedicata alla vocalità | Sostieni


di Michele Manzotti


UN TEATRINO CON SOLI SESSANTA POSTI in una località di trecentocinquanta abitanti. Cinque concerti, uno dei quali a conclusione di una masterclass per giovani esecutori. Tutto originato dalla passione per il canto, anzi per il belcanto. Solo Belcanto è il titolo della rassegna organizzata a Montisi (Siena) da Silvia Mannucci e da Giovanni  Vitali che ne è direttore artistico. «Siamo nostalgici dei festival nati negli anni Settanta – spiega Vitali – che venivano organizzati in località di provincia e che sono poi diventati punti di riferimento come quelli di Cinigiano o Martina Franca. Inoltre il teatro della Grancia di Montisi è uno dei più piccoli al mondo con una platea e tre palchi». Montisi inoltre, che fa parte del Comune di San Giovanni D’Asso, ospita un’Accademia dedicata al clavicembalo e un festival cinematografico, frequentati abitualmente anche da molti turisti. La rassegna si terrà dal 22 al 30 di agosto con i concerti affidati a cantanti e pianisti accompagnatori che frequentano regolarmente i teatri d’opera italiani e internazionali a partire da Marina Comparato, mezzo soprano a cui è affidata anche la parte didattica di Solo Belcanto.

Sala del Teatro della Grancia

Sala del Teatro della Grancia

I concerti saranno tematici: Comparato, con Elisa Tribulzi al piano, presenterà un programma ispirato a Pauline Viardot il 22 agosto, in parte inciso in un album da poco uscito per l’etichetta Brilliant. Giuletta e Romeo sarà il tema del secondo appuntamento del 23 con il soprano Rosanna Savoia, il mezzo soprano Teresa Iervolino e il pianista Davide Cavalli. Dopo i giorni dedicati alla didattica e al concerto dei giovani si prosegue il 29  con il soprano Diana Mian e il tenore Filippo Adami accompagnati da Gianni Fabbrini. Musiche di Gioachino Rossini per un programma dedicato alla prima moglie del compositore, Isabella Colbran. Solo Belcanto si chiude il 30 agosto sul tema “Buffo ma non troppo” con le voci del mezzosoprano Silvia Beltrami e del baritono Marco Filippo Romano con Elsabetta Sepe al pianoforte. Infine, dato che la rassegna non ha contributi pubblici, è stata lanciata una piattaforma di sostegno sul sito www.gofundme.com/solobelcanto. «Questa prima edizione – aggiunge Vitali – si deve alla generosità degli artisti e di coloro che hanno creduto con entusiasmo in questo progetto culturale. Per informazioni e dettagli sul programma del festival si può consultare la pagina Facebook Solo Belcanto o scrivere a festivalsolobelcanto@gmail.com.

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Michele Manzotti

Nato a Firenze nel 1960, è musicologo e giornalista. Dopo essersi laureato in Lettere nel 1986, ha collaborato con varie riviste, e ha insegnato storia della musica al Liceo musicale di Arezzo. Assunto al «Resto del Carlino» nel 1990, dal 1995 lavora a «La Nazione», dove attualmente è all'ufficio centrale. Nel 2002 in «Civiltà Musicale» è stato pubblicato il suo catalogo delle musiche non operistiche di Arrigo Boito. Dello stesso anno è l'uscita del libro Attilio Brugnoli-Il pianoforte e la sua mano (Polistampa, Firenze) con cd allegato con la prima incisione assoluta delle musiche di Brugnoli, compositore di cui ha poi raccolto l'opera omnia per l'Enap stampata da Laterza nel 2006. Cura inoltre tramissioni per l'emittente Rete Toscana Classica e collabora con gli Swingle Singers.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti