Royal Concertgebouw Orchestra, un progetto europeo e la tappa italiana

Una tournée di due stagioni e mezzo, 28 paesi, un progetto dedicato ai giovani musicisti, un messaggio significativo da veicolare. La Royal Concertgebouw Orchestra, della quale Daniele Gatti è stato nominato Chief Conductor e con il quale è legata da un rapporto di amicizia artistica che ormai ha radici lontane (nel 2004 per la prima volta diresse l’orchestra di Amsterdam) ha reso note questa mattina ad Amsterdam le prossime attività che la vedranno impegnata su fronti diversi.

A partire dal prossimo agosto l’orchestra inizierà infatti un viaggio in ventotto tappe in tutta l’Unione Europea che durerà circa tre anni. In un momento storico come questo, fatto di fratture, migrazioni, diversità e tensioni, la Royal Concertgebouw Orchestra lancia un messaggio di unione e tesse un filo, paese per paese, ricordando come l’Europa debba considerarsi un unico mosaico di culture, fatto di tante piccole ma necessarie diversità. Fondata nel 1888, i centoventi musicisti che la compongono provengono da venticinque paesi diversi: questo microcosmo sta a rappresentare come anche nel macrocosmo una voce unica si raggiunga attraverso la pluralità.

Ed è questo – spesso dimenticato – concetto di Europa e più in generale di vita che la Rco vuole comunicare alle nuove generazioni, l’importanza di un unico patrimonio culturale europeo. Con questo scopo è nato il progetto Side by Side. In ogni paese che visiterà, alcuni dei suoi musicisti terranno masterclass e lezioni e lavoreranno a stretto contatto con giovani dei paesi ospitanti: giovani orchestre di ogni nazione avranno infatti anche la possibilità di condividere il palcoscenico con la Concertgebouw Orchestra per una parte di concerto.

Il primo concerto della tournée RCO meets Europe sarà diretto da Daniele Gatti. Il primo anno sono previsti concerti in Francia, Germania, Belgio, Lussemburgo, Italia (a Torino, in collaborazione con l’Associazione De Sono, il 25 ottobre 2016 al Lingotto di Torino), Grecia, Repubblica Slovacca e Gran Bretagna.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti