Musica ed Eros, un convegno a Parma

Come la musica ha veicolato la forza di Eros? Indaga questa tematica la quinta edizione di LabRetMus, Laboratorio di Retorica Musicale organizzato dal Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma. Martedì 6 e mercoledì 7 marzo 2018, dalle 10 della mattina sino a sera, nella Sala Verdi del Conservatorio e nell’Auditorium del Carmine, i più autorevoli specialisti si confronteranno sul tema “Musica ed Eros”, con incontri, seminari, lezioni e concerti liberamente aperti al pubblico. Gli interventi spazieranno dal Boccaccio alla contemporaneità, mostrando come la potenza comunicativa della musica sia strettamente legata alla sua capacità di esprimere l’impeto erotico. Il Laboratorio sarà quindi un’occasione per approfondire le radici stesse della musica, nell’ambito di una discussione multidisciplinare che coinvolgerà musica colta, popular music, storia della danza, storia delle immagini e storia religiosa. Il pubblico sarà coinvolto tramite ascolti ed esemplificazioni dal vivo, stimolando la discussione dei risultati della ricerca.

A dare vita a questo intenso programma (coordinato da Roberto Gini, Carlo Lo Presti e Andrea Padova), saranno relatori internazionali e docenti del Conservatorio di Parma: Sandro Cappelletto, Fabiana Ciampi, Pierre-Alain Clerc, Franco Fabbri, Anna Ficarella, Diego Fratelli, Francesco Gallina, Roberto Gini, Carlo Lo Presti, Donatella Melini, Andrea Padova, Patrizia Veroli.

Il primo dei concerti, dal titolo “Musica ed eros nella mélodie francese del Novecento” si terrà martedì 6 marzo alle 20.30, nell’Auditorium del Carmine: gli allievi della Scuola di Musica vocale da camera interpreteranno musiche di C. Debussy e M. Ravel, evento inserito anche nel ciclo “I Concerti del Boito”. Mercoledì 7 marzo alle 20.30, sempre nell’Auditorium del Carmine, sarà la volta di “Frau Musika”, concerto con Marco Angilella (violoncello barocco e viola da gamba) e Alessandro Trapasso (organo e clavicembalo) che interpreteranno musiche di J. S. Bach.

L’ingresso alle due giornate e ai concerti è libero e gratuito. Il programma completo si può consultare sul sito www.conservatorio.pr.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti