di Redazione

Les SauvagesCiò che propone Giulia Nuti in Les Sauvages va oltre l’equazione clavicembalo=repertorio barocco (o Bach, Händel e altri autori a questi contemporanei). La scelta dei brani infatti si focalizza su compositori  poco noti e attivi nella seconda parte del secolo XVIII con l’eccezione di Wolfgang Amadeus Mozart (con la Sonata K 310). La scelta dello strumento, revisionato da Pascal Taskin nel 1788 e conservato al Castello Sforzesco di Milano, rappresenta d’altra parte una visione legata a un periodo particolare della costruzione dei clavicembali. Anni in cui, specialmente in Francia, la convivenza con il pianoforte rendeva necessaria la ricerca di sonorotà differenti.

Se Jean François Trapay rende omaggio a Jean-Philippe Rameau con le variazioni su Les Sauvages, le Sonate di Johann Schobert (n. 1 op. XIV), Johann Gottfried Eckard  (n. 1 op. I) e Nicolas-Joseph Hüllmandel  (n. 2 op. III) fanno parte degli ascolti di Mozart che va a Parigi per cercare fortuna. Giulia Nuti rende al meglio quest’epoca di passaggio, evidenziando suoni che quasi scalpitano per rendere più chiaro il contrasto dinamico. Una lettura energica ed elegante al tempo stesso che permette l’ascolto del Cd dalla prima all’ultima traccia.


Pubblicato il 2015-02-28 Scritto da MicheleManzotti

Related Posts

Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Recensioni

Ben ritornato!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?