di Redazione

szent_efrem_cover_217.inddIn epoca di playlist, di hit, di ascolto spot, di «solo il meglio per le tue orecchie», il doppio cd Orientale lumen II – Light of the East propone una vera e propria compilation di musica liturgica e para liturgica di rito greco-bizantino, in barba alle tendenze filologiche ‘talebane’ per cui pare che se non ci si ascolti sullo stereo del salotto l’intera celebrazione, sia meglio fare altro. Trentaquattro sono i brani scelti tra quelli proposti in otto concerti registrati tra il 2012 e il 2014 nella basilica di Santo Stefano a Budapest ed eseguiti dal Saint Ephraim Male Choir ospitante, di volta in volta, altre formazioni corali, solisti e patriarchi ortodossi.

[restrict paid=true]

Non che in fondo all’ascolto, però, chi non mastica musica e liturgia bizantina ne abbia una più chiara idea e il booklet dell’ungherese etichetta BMC Record aiuta in questo senso, limitandosi a qualche scarna riga di spiegazione per contestualizzare ogni brano.

L’idea è quella di presentare forme diverse della spiritualità orientale lungo un ampio spettro temporale, un dialogo tra passato, presente e futuro e fra tradizioni diverse, che è poi il senso della lettera epistolare di Giovanni Paolo II, al cui titolo – Orientale Lumen, appunto – si ispira questo album. Si va quindi da canti risalenti al XVI secolo in stile Demestvenny, particolarmente fiorito e utilizzato per le celebrazioni di Pasqua e Natale, a canzoni tradizionali monodiche di origine csángó (minoranza cattolica nell’odierna Moldavia) intonate dalla cantante tradizionale Márta Sebestyén e dotate di un certo qual potere commovente.

Alle compatte e solenni eterofonie, alle forme responsoriali spartite tra celebrante e assemblea si aggiungono sezioni musicate dai grandi nomi della musica colta russa ottocentesca sull’onda del nascente nazionalismo e del rinnovamento della musica liturgica fin de siècle: Čajkovskij, ad esempio, con la Divina liturgia di San Giovanni Crisostomo e Rachmaninov con i salmi e i Vespri per la Vigilia di Ognissanti. Per arrivare ai giorni nostri, alla nuova creatività che torna a occuparsi di musica liturgica, reazione alle restrizioni dettate dal periodo sovietico in materia di religione. Lavoro che non manca di fascino, a chi piace, a chi interessa, ma da ascoltare con un buon manuale di liturgia bizantina alla mano, per raccapezzarsi in un pastiche che di appigli ne offre pochi.

[/restrict]

Pubblicato il 2016-02-20 Scritto da CeciliaMalatesta

Related Posts

Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Recensioni

Ben ritornato!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?