di Redazione

arcangeloIn un orizzonte musicale dominato dalle grandi orchestre sinfoniche o dalle grandi personalità pianistiche, lo spazio per le piccole formazioni da camera è esiguo. Le esibizioni per duo o trio rimangono così appannaggio di piccoli gruppi di appassionati, che vengono a conoscenza degli eventi anche e soprattutto grazie ai social network. È un vero peccato; se poi si prendesse in esame il repertorio cameristico per chitarra si scoprirebbero inestimabili gemme musicali, meritevoli di giungere senza indugio alle orecchie del grande pubblico. Fortunatamente i valenti Rita D’Arcangelo al flauto e Jakub Kościuszko alla chitarra contribuiscono, con la loro ottima registrazione, a diffondere alcune delle più importanti opere del genere.

[restrict paid=true]

Il Cd si apre con Entr’acte di Jacques Ibert, un’agile e gradevole miniatura per flauto e arpa trascritta per le sei corde. Già da questo breve brano si può apprezzare l’alta caratura degli esecutori. A seguire una delle più belle e importanti opere per chitarra e flauto, ovvero la Sonatina di Mario Castelnuovo-Tedesco. Come puntualmente suggerito nel booklet, in quest’opera in tre tempi è possibile ravvisare lo stile di alcuni importanti compositori cinematografici come Henry Mancini e John Williams, che sono stati allievo del compositore fiorentino. Si sottolinea la particolare bellezza del secondo movimento, uno struggente tempo di siciliana strutturato tramite la  sistematica imitazione dei temi. È però nell‘Andante cantabile di Paganini che si può ravvisare l’ottimo impasto sonoro del duo: originariamente per violino, la meravigliosa melodia viene ottimamente resa da D’Arcangelo, mentre Kościuszko provvede a un accompagnamento chitarristico ben calibrato  sia da un punto di vista timbrico che dinamico.

Continuando nell’ascolto si scopre man mano un programma gradevole e disimpegnato, figlio anche delle ricerche musicologiche Kościuszko alla stesura di una tesi di dottorato sulla presenza del jazz nelle opere classiche. Esemplificazione di questo pensiero è l’inclusione della Suite Buenos Aires di Maximo Diego Pujol. Benché sia più facilmente assimilabile a compositori come Piazzolla e Villa-Lobos piuttosto che al jazz, l’opera rappresenta un ottimo esempio di contaminazione fra musica extracolta ed eurocolta; in particolare si segnala la magistrale fattura del primo movimento della suite, Pompeya. A chiudere il CD una meravigliosa bonus track: l’arrangiamento per chitarra e flauto del famosissimo brano di Nicola Piovani La vita è bella.

Ed è proprio ascoltando quest’ultimo brano che si riesce a capire il carattere del disco: il booklet dai toni leggeri, quasi umoristici, un repertorio facile all’ascolto e il brano conclusivo tratto dalla colonna sonora di un film premio Oscar sono elementi che stanno a indicare la volontà di avvicinare più pubblico possibile alla musica da camera. Sicuramente un obbiettivo pienamente raggiunto, e con grande stile. Unico neo è una certa sovrabbondanza di riverbero nella chitarra per alcuni brani, cosa che però non inficia minimamente la qualità di quest’ottimo disco.

[/restrict]

Pubblicato il 2016-06-15 Scritto da LorenzoGalesso

Related Posts

Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Recensioni

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?