Daniil Trifonov ha un tocco angelico e demoniaco. Parola di Martha Argerich

copertina della rivista Chopin Magazine. Daniil Trifonov e in secondo piano Valery Gergiev

Il numero di Agosto 2011 della rivista giapponese Chopin Magazine dedica la foto di copertina al vincitore della XIVa edizione del concorso pianistico internazionale Tchaikovsky di Mosca, Daniil Trifonov. Martha Argerich dice di “non aver sentito mai nulla di simile, dolce e demoniaco il suo tocco”. Nato nel 1991 a Nizhny Novgorod, in Russia, Trofonov ha ricevuto il terzo premio al concorso Chopin di Varsavia nel 2010 (ottenendo anche il premio come migliore interpretazione delle Mazurke di Chopin) e sempre quest’anno il primo premio e la medaglia d’oro al 13° Arthur Rubinstein International Piano Master Competition,  di Tel Aviv. Ma al di là dei premi, come suona questo giovanissimo? Come un Dio. Un talento straordinario, capace di tanti suoni diversi, di incredibili sfumature, e con una tecnica straordinaria. Non si ascolta più lo strumento pianoforte, a rapire è davvero solo la musica. In Italia si è esibito alla Fenice di Venezia e con l’Orchestra Verdi di Milano.

Ecco i risultati della competizione quindi:

Primo premio: Daniel Trifonov (Russia)
Secondo premio: Yeol Eum Son (Corea)
Terzo premio: Seong-Jin Cho (Corea)
Quarto premio: Alexander Romanovsky (Ucraina)
Quinto premio: Alexey Chernov (Russia)


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Simeone Pozzini

È pianista e critico musicale. È stato tra i fondatori e successivamente direttore artistico del Festival ContemporaneaMente di Lodi. Ha registrato per Stradivarius. Ha fondato e dirige Il Corriere Musicale. È stato tra i collaboratori del canale televisivo Classica in onda su Sky.

C'è un commento all'articolo

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti