In Memoriam Alirio Díaz (1923 – 2016)


di Lorenzo Galesso
diazAlirio Díaz è morto a Roma il 5 luglio all’età di 92 anni. Nato in un piccolo paesino rurale nel 1923, il musicista venezuelano ha segnato indissolubilmente la storia della chitarra moderna: a lui dobbiamo la prima diffusione delle opere di alcuni importanti compositori sudamericani, soprattutto quelle di Antonio Lauro; fu amico e allievo di Andrés Segovia, al quale successe presso l’Accademia Chigiana di Siena. Diaz era dotato di una tecnica eccezionale: in rete si possono trovare numerose testimonianze del suo genio. Il tratto distintivo è stato sicuramente l’elevato tasso tecnico, nonché l’incredibile bellezza del vibrato sulle corde interne, figlia degli insegnamenti segoviani. La sua scomparsa rappresenta una grave perdita per il panorama chitarristico mondiale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Lorenzo Galesso

Chitarrista e musicologo, ha frequentato il biennio di chitarra presso il conservatorio di Bolzano, discutendo una tesi su Antonio José. Si é laureato presso l'Università degli Studi di Milano con una tesi riguardante il compositore Ferdinand Rebay, di cui ha curato l'inventario del monastero di Heiligenkreuz. Ha svolto attività di critico musicale presso il sito web Eyeonmusica, recensendo concerti e registrazioni di musica non - eurocolta

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti