Beatrice Rana, orgoglio italiano

Beatrice Rana (foto Julien Faugere)

Beatrice Rana (foto Julien Faugere)


Recensione  La pianista è stata recentemente insignita del secondo premio al Concorso Van Cliburn. L’abbiamo ascoltata alla Società dei Concerti di Milano con il “Terzo” di Beethoven


di Luca Chierici


IL ritorno in Italia della ventenne Beatrice Rana, vincitrice del secondo premio (o meglio della “Silver Medal”) all’ambitissimo Concorso di Dallas intitolato a Van Cliburn, è stato festeggiato l’altra sera dalla Società dei Concerti di Milano con una bella esecuzione del terzo Concerto di Beethoven, dove la pianista era coadiuvata dall’Orchestra Sinfonica di Norimberga diretta da Alexander Shelley.

Ascoltare e riferire di una pianista appena reduce da una sequenza massacrante di prove, ancora in preda al jet lag, non è sicuramente un compito facile e per questo motivo ci riserviamo una più meditata recensione in seguito al recital che Beatrice terrà, sempre in Conservatorio il prossimo dicembre. Ma sarebbe ingiusto non accogliere oggi con orgoglio questo esempio di grande professionalità, di eccellenza formativa, che contribuisce a mantenere alto il livello della presenza italiana nei concorsi internazionali, all’interno di un ambito sempre più concorrenziale dove i solisti dell’estremo Oriente e i fuoriclasse della scuola russa hanno in media la meglio. Non vogliamo entrare qui nella discussione relativa ai concorsi in generale, ai criteri che sono alla base di verdetti spesso discutibili, soprattutto nel caso di tenzoni così famose come il Cliburn o lo Chopin di Varsavia: siamo comunque certi che il valore di un giovane musicista possa essere riconosciuto nel tempo anche a prescindere dalla sua classificazione all’interno di questa o quella competizione, cosa che è stata dimostrata molte volte negli anni passati.

Grazie alla documentazione online in tempo reale che ci permette oggi di vedere e ascoltare quasi tutto quello che succede attorno a noi, non è difficile documentarsi sulle prove che Beatrice Rana ha affrontato con successo al Van Cliburn, e l’ascolto di precedenti esecuzioni registrate al concorso di Montreal del 2011 (dove Beatrice ottenne il primo premio) ci illumina sul rapidissimo cammino di maturazione che la pianista ha sperimentato negli ultimi due anni, un percorso che molto probabilmente avrà un seguito e la porterà ad approfondire ulteriormente aspetti interpretativi e linee di impostazione del repertorio. L’impressione generale che si ha ascoltando la Rana, come del resto tutti i finalisti del Cliburn, è quella di trovarsi di fronte a bolidi potentissimi che hanno bisogno di una guida esperta per tenere sotto controllo una potenza esorbitante di mezzi tecnici: in alcuni casi si tratta di frenare gli impulsi, in altri di controllarli a dovere e più in generale di saper  scegliere “dove andare” nell’immenso territorio della letteratura musicale e della sua interpretazione.

Beatrice Rana ci sembra oggi possedere notevolissime qualità espresse ancora avendo ben presenti quali siano i requisiti previsti da un grande concorso internazionale, ossia una attenzione fin troppo vigile rivolta a soddisfare mille aspetti a volte in contraddizione tra loro. La grande carriera permetterà a Beatrice di esprimersi nella maniera a lei più congeniale: siamo certi che ella saprà sfruttare al meglio le proprie potenzialità già ampiamente dimostrate durante il recente concorso e, l’altra sera, nella gestione di un concerto interpretativamente così difficile come il terzo di Beethoven e nella agguerritissima lettura di due preludi chopiniani tra quelli notoriamente più impegnativi.

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Luca Chierici

Luca Chierici, nato a Milano nel 1954, dopo la maturità classica e gli studi di pianoforte e teoria si è laureato in Fisica. Critico musicale per Radio Popolare dal 1978 e per Il Corriere Musicale dal 2012, collabora alla rivista Classic Voice dal 1999 come esperto di musica pianistica. È autore di numerosi articoli di critica discografica e musicale, di storia della musica e musicologia, programmi di sala e note di lp e cd per importanti istituzioni teatrali e concertistiche e case discografiche. Ha collaborato per molti anni alle riviste Musica, Amadeus, Piano Time, Opera, Sipario. Ha condotto Il terzo anello per Radiotre e ha implementato il data base musicale per Radio Classica. Ha pubblicato per Skira i volumi dedicati a Beethoven, Chopin e Ravel nella collana di Storia della Musica. Ha curato numerose voci per la Guida alla musica sinfonica edita da Zecchini e ha tenuto diversi cicli di lezioni di Storia della musica presso i licei milanesi. Nell'anno accademico 2016-2017 ha tenuto un ciclo di seminari di storia dell'interpretazione pianistica presso il Conservatorio di Novara (ciclo che è stato replicato per l'anno 2017-2018 al Conservatorio di Piacenza). Appassionato di tecnologia, ha formato nel corso degli anni una biblioteca digitale di oltre 110.000 spartiti e una collezione di oltre 70000 registrazioni live. Nel 2007-2008 ha contribuito in qualità di consulente al progetto di digitalizzazione degli spartiti della Biblioteca del Conservatorio di Milano. Dal 2006 collabora alla popolazione del database della Petrucci Library (www.imslp.org).Dal 2014 è membro della Associazione nazionale Critici musicali.

C'è un commento all'articolo

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti