Plantes di Jeff Mills in prima esecuzione al Barbican di Londra


di Francesco Fusaro foto © Mark Allan/Barbican


Un’orchestra sinfonica affiancata ad un DJ è ormai un evento che non suscita più lo stesso effetto di curiosità e di shock che poteva avere nel passato: dalle hit dello storico club acid house di Manchester, Haçienda, rivisitati in chiave classica, al recente album di Carl Craig che guarda alla carriera del produttore techno attraverso le lenti della musica sinfonica, passando per i rimaneggiamenti elettronici del catalogo Deutsche Grammophon ad opera di Matthew Herbert o Mortiz von Oswald, sappiamo ormai bene che questo curioso connubio fra due linguaggi apparentemente distanti fra loro può dar vita ad artefatti sonori di variegata qualità. Nel caso della composizione di Jeff Mills Plantes presentata per la prima volta in Inghilterra questo lunedì al Barbican Centre di Londra, tuttavia, possiamo dire di trovarci di fronte ad un esempio di altissimo ordine.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Francesco Fusaro

Musicologo, dj e giornalista, ha scritto per Amadeus, Rockit, Linkiesta, il Giornale della musica, DJ Magazine, Huffington Post. Ha partecipato a progetti artistici in Italia, Inghilterra, Marocco e Stati Uniti. Vive e lavora a Londra, dove conduce un proprio programma radiofonico per Shoreditch Radio.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti