Lorenzo Arruga, quel “Pierino” con Lucio Dalla


A pochi giorni dalla scomparsa del grande cantautore l’illustre critico e uomo di teatro ricorda la collaborazione con lui in occasione di una versione molto speciale di “Pierino e il lupo”


di Patrizia Luppi


Lorenzo Arruga

«Quando scrissi per lui una versione italiana molto libera del lavoro di Prokof’ev, Lucio Dalla accettò di interpretarla con disponibilità totale, senza condizioni e senza dubbi, mostrando la sua grande capacità di divertirsi col testo», ricorda Arruga. Le esecuzioni furono in diverse città tra cui Padova e Bologna, dapprima con I Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone, poi al Comunale di Bologna con Aldo Sisillo sul podio: da queste ultime, del 2005, l’etichetta Ermitage trasse una registrazione in dvd.

Com’era il rapporto di Dalla con la musica di Prokof’ev?
«Molto intenso, come sempre gli accadeva. Non sapeva leggere tanto la musica, ma la maneggiava benissimo. Scimone, tra l’altro, gli chiese di dirigere la Sinfonia dei giocattoli di Leopold Mozart e lui lo fece ottimamente, con tutti gli anticipi giusti. Secondo la logica dei Conservatori, Dalla non sapeva la musica; ma in realtà non era così».

In ogni caso, il suo intervento su Pierino e il lupo fu molto personale, vero?
«Chiese di fare alcuni dei suoi “versini”, sopra la partitura; anche in questo caso si rivelò grande musicista, ampliando gli accordi e arricchendo l’armonia».

La sua voce era irripetibile.
«Michele Serra l’ha definita molto bene: “insieme roca e limpida, negra e pucciniana”. C’era un grande sentimento lirico nel suo canto, tra una specie di pudore irridente e rivelazioni improvvise. Lui era così, cespuglioso non solo nell’aspetto fisico: lo era nel parlare, nei rapporti; ma queste liriche illuminazioni ne facevano un complice prezioso».

Alcuni minuti del video di Pierino e il lupo, con la voce narrante di Lucio Dalla (dvd Ermitage, Fabula Classica DVD FAB 29916), sono disponibili a questo link


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Patrizia Luppi

Giornalista professionista, fa parte dell’Associazione nazionale dei critici musicali. È stata a lungo redattrice di due riviste specializzate, prima Musica Viva e poi Amadeus; nel frattempo ha svolto numerose altre attività, in particolare collaborando con quotidiani (è stata fra l’altro il critico musicale del dorso milanese de La Stampa), con testate settimanali e mensili, con Rai RadioTre e con RaiSat Show. Per un decennio direttore responsabile di Esz News, quadrimestrale delle Edizioni Suvini Zerboni, conserva tuttora uno speciale interesse per la musica contemporanea; attraverso gli studi giovanili di canto, con maestre come Rosetta Noli e Carla Castellani, e quelli di recitazione svolti in età più matura, ha coltivato l’amore per l’opera lirica e per la musica vocale da camera. È vicedirettore del Corriere Musicale

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti