Pappano e Romanovsky tra Sibelius e Rachmaninov


Al Lingotto di Torino un minuto di silenzio in apertura del concerto con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per ricordare le vittime della strage in Tunisia


di Attilio Piovano foto © Pasquale Juzzolino


GRANDE EMOZIONE IN SALA, domenica 22 marzo 2015, a Torino per le parole di Francesca Camerana, direttore artistico di Lingotto Musica e di Sir Antonio Pappano che hanno inteso congiuntamente dedicare il concerto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia alle vittime della strage terroristica in Tunisia. Un minuto di silenzio e poi via con la musica. Grande musica e soprattutto una grande, grandissima orchestra, tra le migliori al mondo, di certo nei primissimi posti.


Ancora più sorprendente la coerente e bellissima interpretazione della poco nota Seconda Sinfonia del finlandese Sibelius, scritta nella quiete solare di Rapallo a inizio Novecento


Il documentario sull'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. In streaming per il Club dei lettori del Corriere Musicale o in acquisto su Amazon

Il documentario sull’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. In streaming per il Club dei lettori del Corriere Musicale o in acquisto su Amazon

In apertura Rachmaninov e il poema sinfonico L’Isola dei morti, ovviamente ispirato alle varie versioni dell’omonima tela di Böcklin. E allora subito l’esordio cupo e brunito, come una lenta trenodia, con quel colore ‘luttuoso’ e il pulsare lugubre del timpano. Poi il calibratissimo gioco del crescendo e la messa a fuoco dei timbri orchestrali. A dir poco perfetto. Così pure la capacità di Pappano di porre in evidenza la materia per così dire viscosa, la densità delle armonie, ibridando il tutto di mille preziosi dettagli (le sortite dei legni, gli interventi in regione grave degli ottoni e per contro le estenuate rarefazioni degli archi), potendo contare su un’orchestra dalle prime parti di strepitosa bravura e dal suono complessivo di rara intensità e bellezza. Poi la pagina lievita in un gigantesco, immane crescendo. Senso delle proporzioni ed equilibrio indicibile è quanto il folto pubblico ha immediatamente percepito e apprezzato. Poi i clangori e le animate vivacità dell’ampia e un poco dispersiva sezione centrale: che pure Pappano ha dipanato con estrema cura attenuandone in massimo grado i lievi difetti. Infine l’emersione del Dies Irae metaforico segnacolo di morte: e il direttore è stato bravissimo ad evitare quel quid di enfatico e retorico che la pagina al suo interno obiettivamente contiene: basta nulla e l’equilibrio complessivo si potrebbe incrinare. E invece la tensione non è mai venuta meno.



Prosegui la lettura di questo articolo o guarda il  contenuto multimediale iscrivendoti al Club dei lettori del Corriere Musicale con un abbonamento Rodolfo, Rodrigo o Conte d'Almaviva 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Attilio Piovano

Musicologo e scrittore, ha pubblicato (tra gli altri) Invito all’ascolto di Ravel (Mursia 1995, ristampa RCS 2018), i racconti musicali La stella amica (Daniela Piazza 2002), Il segreto di Stravinskij (Riccadonna 2006) e L’uomo del metrò (e-book interattivo per i tipi de ilcorrieremusicale.it 2016, prefazione di Gianandrea Noseda). Inoltre i romanzi L’Aprilia blu (Daniela Piazza 2003) e Sapeva di erica, di torba e di salmastro (rueBallu 2009, prefazione di Uto Ughi). Coautore di una monografia su Felice Quaranta (con Ennio e Patrizia Bassi, Centro Studi Piemontesi 1994), del volume Venti anni di Festival Organistico Internazionale (con Massimo Nosetti, 2003), curatore e coautore del volume La terza mano del pianista (Testo & Immagine 1997). Laurea in Lettere, studi in Composizione, diploma in Pianoforte, in Musica corale e Direzione di Coro, è autore di contributi, specie sulla musica di primo ‘900, apparsi in volumi miscellanei, atti di convegni e su rivista. Saggista e conferenziere, vanta collaborazioni con La Scala, Opéra Royal Liège, RAI, La Fenice, Opera di Roma, Lirico di Cagliari, Coccia di Novara, Carlo Felice di Genova, Stresa Festival, Orchestra Camerata Ducale ecc.; a Torino col Festival MiTo (già Settembre Musica, ininterrottamente dal 1984), Unione Musicale, Teatro Regio, Politecnico e con varie altre istituzioni. Già corrispondente del «Corriere del Teatro», ha esercitato la critica su più testate; dalla fondazione scrive per «ilcorrieremusicale.it»; ha scritto inoltre per «Torinosette», magazine de «La Stampa», ha collaborato con «Amadeus» e scrive (dal 1989) per «La Voce del Popolo» (dal 2016 divenuta «La Voce e il Tempo»); dal 2018 recensisce per «Il Corriere della Sera» (edizione di Torino). Membro di giuria in concorsi letterari nonché di musica da camera e solistici. Docente di Storia ed Estetica della Musica (dal 1986, presso vari Conservatori), dal 1991 a tutt’oggi è titolare di cattedra presso il Conservatorio “G. Cantelli” di Novara dove è inoltre incaricato dell’insegnamento di Storia della Musica sacra moderna e contemporanea nell’ambito del Corso biennale di Diploma Accademico in Discipline Musicali (Musica sacra) attivato dall’a.a. 2008/2009 in collaborazione col Pontificio Ateneo di Musica Sacra in Roma. Dal 1° gennaio 2018, cura inoltre l’Ufficio Stampa del Conservatorio “G. Cantelli”. Dal 2012 tiene corsi monografici sulla Storia del Melodramma (workshop su «Architettura, Scenografia e Musica» presso il Dipartimento di Architettura & Design del Politecnico di Torino, Corso di Laurea Magistrale, in collaborazione con Fondazione Teatro Regio). È stato Direttore Artistico dell’Orchestra Filarmonica di Torino. Dal 1976 a Torino è organista presso la Cappella Esterna dell’Istituto Internazionale ‘Don Bosco’, Pontificia Università Salesiana (UPS), dal 2017 anche presso la barocca chiesa di San Carlo, nella piazza omonima, e più di recente in Santa Teresa. Nell’autunno del 2018 in veste di organista ha partecipato ad una produzione del Requiem op. 48 di Fauré. È citato nel Dizionario di Musica Classica a cura di Piero Mioli, BUR, Milano © 2006, che gli dedica una ‘voce’ specifica (vol. II, p. 1414).

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti