“Salome” nella Vienna di Klimt

[wide]

salome copia

[/wide]

Opera • Il capolavoro di Wilde/Strauss in un allestimento ispirato al pittore della Secessione. Si sono distinte la protagonista di Camilla Nylund e la Herodias di Michaela Schuster


di Francesco Lora


Nell’allestimento scenico della Staatsoper di Vienna, la Salome di Richard Strauss è un omaggio a Gustav Klimt: se Boleslaw Barlog firma una regia fedele alla didascalia, le scene e i costumi di Jürgen Rose citano il pittore viennese negli sgargianti accostamenti cromatici spruzzati d’oro, nel colossale scoscendere di alti gradoni dipinti e nel sontuoso od onirico ricadere dei tessuti sui corpi dei cantanti. Lo spettacolo, che ha molte primavere sulle spalle, mostra i segni del tempo in qualche scolorimento o sgualcitura, ma non certo nell’idea di fondo: esso fa tutt’uno con l’aspetto e la cultura della capitale austriaca, già sede della Secessione; calza come un guanto al testo di Oscar Wilde tinteggiato da Strauss; coincide infine con l’esuberanza, lo sfarzo e il caleidoscopio timbrico dell’Orchestra della Staatsoper, capofila delle interpretazioni straussiane secondo l’inossidabile tradizione viennese. Nelle recite dell’11, 15 e 18 febbraio, per la verità, il direttore Peter Schneider ha faticato a domare la grande compagine sinfonica, la quale ha sfogato le proprie sezioni con ostentazione selvaggia: splendide sonorità da ogni settore del golfo mistico, cioè, senza però pervenire all’unità di intenzioni, né tantomeno al rispetto di precise volontà direttoriali; a Vienna, si sa, con poche eccezioni, è l’orchestra a decidere chi comanda e quando. All’ascoltatore, pur sempre stordito dall’ammirazione, rimane un retrogusto amarognolo: nelle recite del maggio scorso, sotto la bacchetta di Ulf Schirmer, un’orchestra più disciplinata si era coperta di gloria ancor maggiore, facendo gridare al miracolo.

Quando più, quando meno: alla Staatsoper la Salome è in cartellone tutti gli anni o quasi, e l’avvicendamento di diversi interpreti in uno stesso allestimento è inevitabile, vivificante, avvincente. A questo giro, la parte protagonistica è spettata alla finlandese Camilla Nylund, soprano di sicuro riferimento nel repertorio straussiano: la voce è chiara, svettante e radiosa, per nulla intimorita dalle asperità della partitura; e non vi è esitazione, da parte dell’attrice, nell’affrontare di persona e con onore la “Danza dei sette veli” (contro l’uso di ricorrere a una ballerina come controfigura). Finita la Danza, la Nylund dà il colpo decisivo alla propria lettura del personaggio: questa Salome ipocritamente adolescenziale ed eterea, che accoglie madre e Tetrarca aggiustandosi in posa da fanciulla sognante e innocente, alla resa dei conti con Herodes rivela le sue pretese con tremenda rabbia, inaugurando solo qui la ferocia del registro di petto e una gestualità che graffia il palcoscenico. Non è da meno la presenza di Michaela Schuster come Herodias, cioè di un mezzosoprano tra i più in vista dell’area tedesca – sarà Kundry nel prossimo Parsifal di Wagner a Salisburgo, Festival di Pasqua – in una parte di caratterista poco spesso premiata da tanto lusso; si rileva innanzitutto la floridezza del materiale vocale in fatto di rotondità e potenza, e si gode poi di un accento drammatico ove non si perde una parola né un’inflessione: una simbiosi rara e degna di applauso. Un esito comparabile si sarebbe forse potuto ritrovare nello Herodes di Thomas Moser: il suo forfait ha invece lasciato il campo a Gerhard Siegel,  che persegue una declinazione istrionica e grottesca della parte senza per questo macchiare con suoni chiocci una sana vocalità.

Non entusiasma, al contrario, lo Jochanaan di James Rutherford, basso-baritono peraltro appena impiegato a Vienna come Hans Sachs nei Meistersinger wagneriani, e con risultato altrettanto parziale e interlocutorio. La voce, più grossa che risonante, il timbro, tanto omogeneo quanto sfocato, un accento generico e un aspetto fisico da frate gaudente rendono poco credibili i suoi moniti profetici, i quali dovrebbero tuonare con altro peso, incisività e autorevolezza. Validi nella loro stilizzazione sono infine Carlos Osuna come Narraboth e Juliette Mars come Paggio, mentre nell’innumerevole comprimariato si ritrovano i migliori nomi in servizio alla Staatsoper per le seconde parti: Herwig Pecoraro, Jinxu Xiahou, Benedikt Kobel, Wolfram Igor Derntl e Walter Fink per il quintetto dei Giudei; Janusz Monarcha e Nikolay Borchev per il duetto dei Nazareni; Alfred Šramek e Il Hong per quello dei Soldati; Jens Musger e Roland Winkler, in ultimo luogo, per l’Uomo di Cappadocia e lo Schiavo.

© Riproduzione riservata


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Francesco Lora

È laureato in Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo, e dottore di ricerca in Musicologia e Beni musicali (Università di Bologna). Con Elisabetta Pasquini dirige la collana «Tesori musicali emiliani» (Bologna, Ut Orpheus, 2009-) e vi pubblica in edizione critica l’Integrale della musica sacra per Ferdinando de’ Medici di Perti (2 voll., 2010-11) e tutti gli oratorii di Colonna (L’Assalonne, Il Mosè e La profezia d’Eliseo, 2013-16; La caduta di Gierusalemme, c.s.). La sua edizione critica dell’opera La rappresaglia di Mercadante (Bologna, Ut Orpheus, c.s.), anch’essa curata con Pasquini, è alla base dello spettacolo che quest’anno inaugurerà il Festival della Valle d’Itria per celebrare i 150 anni dalla morte del compositore. Sue sono la monografia Nel teatro del Principe. I drammi per musica di Giacomo Antonio Perti per la Villa medicea di Pratolino (Torino-Bologna, De Sono - Albisani, 2016) e l’edizione critica delle musiche nel manoscritto Austriaco laureato Apollini (mottetti e concerti di Lazzari, Perroni e Veracini per l’incoronazione imperiale di Carlo VI d’Asburgo; Padova, Centro Studi Antoniani, 2016). Ha collaborato alla Cambridge Handel Encyclopedia e collabora tuttora al Dizionario biografico degli Italiani, al Grove Music Online e alla Musik in Geschichte und Gegenwart. Dal 2003 è critico musicale per testate giornalistiche specializzate, inviato nelle principali istituzioni di spettacolo in Italia, Austria, Belgio, Francia, Germania, Spagna e Svizzera; collabora con «Il Corriere musicale» dal 2013.

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti