Posts Tagged 'Radu Lupu'

Il labirinto schubertiano nell’invenzione di  Radu Lupu

Il labirinto schubertiano nell’invenzione di Radu Lupu

Cosa rimane di un pianista avanti con gli anni (sono oramai settantadue), che a dire il vero non ha mai goduto di ottima salute e che oggi deve fare i conti con uno stato di evidente prostrazione fisica, frequenti vuoti di memoria e meno frequenti ma udibili défaillances tecniche? Nel caso di Radu Lupu, che si è ripresentato al LAC di Lugano dopo un paio d’anni con un programma interamente dedicato a Schubert, il viaggio per andare ad ascoltarlo nuovamente è più che giustificato, perché di……

Radu Lupu e Riccardo Chailly alla Scala: sonorità contrapposte

Radu Lupu e Riccardo Chailly alla Scala: sonorità contrapposte

Di percezione del suono in una sala sostanzialmente “sorda” come è quella del Teatro alla Scala si discuteva ieri a proposito del concerto schumanniano diretto da Chailly con la partecipazione del pianista Radu Lupu. Un appuntamento che, visto in quest’ottica, si prestava ad alcune considerazioni relative non solo all’esito della serata ma soprattutto agli estremi opposti che caratterizzavano la percezione sonora dell’insieme, con una seconda sinfonia squillante nella ri-orchestrazione di Mahler

L’arte di Radu Lupu (e quanto assomiglia a Brahms)

L’arte di Radu Lupu (e quanto assomiglia a Brahms)

L’Auditorium di Lugano Arte e Cultura al gran completo – e non certo grazie a una moltitudine di vecchi pensionati che si godono l’autunno sulle rive del lago – ha accolto sabato sera Radu Lupu con un applauso affettuoso che via via si faceva sempre più convinto al succedersi degli elementi che costituivano un programma denso e non facile. Un programma tutto giocato con l’arma segreta del canto, della apparente semplicità che sosteneva un discorso frutto di una vita di meditazione sugli autori..