Addio a Montserrat Figueras

[wide]

[/wide]

È scomparsa ieri dopo lunga malattia la cantante catalana (Barcellona, 15 marzo 1942 – Bellaterra, Barcellona, 23 novembre 2011) compagna nell’arte e nella vita di Jordi Savall


di Patrizia Luppi


DONNA ANGELICATA E CONTURBANTE INSIEME, Montserrat Figueras rispecchiava nella grazia fisica e nella bellezza sensuale ma remota – che avrebbe conservato fino in tarda e difficile età, come dimostrano i video dell’ultimo periodo, tra cui quello che proponiamo, che la mostrano segnata ma non devastata dalla malattia – le caratteristiche di una voce sopranile purissima e al tempo stesso ricca di affetti e di passione. Una voce non grande, anzi piuttosto delicata, non adeguata per la lirica; la voce giusta invece, educata allo studio delle prassi antiche fin dalla metà degli anni ’60, per affrontare particolari repertori e per entrare in sintonia artistica, oltre che sentimentale, con il giovane geniale musicista incontrato proprio nel periodo di studi: Jordi Savall.
 Montserrat Figueras è stata sua moglie, compagna di vita e di ricerca, per quarant’anni; con lui ha avuto due figli che seguono la strada dei genitori: Arianna, arpista, e Ferran, cantante ed esecutore su vari strumenti. Con Savall ha fondato l’Ensemble Hespèrion XX (dall’anno 2000 Hespèrion XXI), poi La Capella Reial de Catalunya e Le Concert des Nations, per riproporre le musiche – a volte cadute nell’oblio, a volte misconosciute – di popoli e tempi disparati, e ha registrato decine di cd con varie case discografiche: i più recenti, con l’etichetta fondata proprio con Savall, Alia Vox, sul cui sito (www.alia-vox.com) si può trovare ogni notizia su Montserrat Figueras e sulla sua attività.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'autore: Patrizia Luppi

Giornalista professionista, fa parte dell’Associazione nazionale dei critici musicali. È stata a lungo redattrice di due riviste specializzate, prima Musica Viva e poi Amadeus; nel frattempo ha svolto numerose altre attività, in particolare collaborando con quotidiani (è stata fra l’altro il critico musicale del dorso milanese de La Stampa), con testate settimanali e mensili, con Rai RadioTre e con RaiSat Show. Per un decennio direttore responsabile di Esz News, quadrimestrale delle Edizioni Suvini Zerboni, conserva tuttora uno speciale interesse per la musica contemporanea; attraverso gli studi giovanili di canto, con maestre come Rosetta Noli e Carla Castellani, e quelli di recitazione svolti in età più matura, ha coltivato l’amore per l’opera lirica e per la musica vocale da camera. È vicedirettore del Corriere Musicale

C'è un commento all'articolo

Perché non dire la tua? Leggi e accetta la Policy sui commenti